Sono passate poco più di tre settimane da quando il Governo ha imposto di “rimanere a casa”. Una scelta drastica ma necessaria per arginare il contagio del coronavirus, la pandemia che ha cambiato i modi di fare, a partire dalla “distanza sociale”. Non a tutti il “restare a casa” è piaciuto. E, come si è visto in queste settimane trascorse, le Forze dell’Ordine hanno denunciato e multato “furbetti” e trasgressori.

L’attività di Carabinieri, Polizia di Stato, Guardia di Finanza e Polizia Municipale svolta in queste settimane ha sortito, comunque, il suo effetto. A distanza di tre settimane la situazione non desta particolare preoccupazione. «La maggiore presenza di persone in giro si riscontra durante la mattina – spiegano – c’è chi va al supermercato, chi in farmacia. Il pomeriggio e la sera la maggior parte della gente ha imparato a stare a casa».

Evitare assembramenti, uscire solo se strettamente necessario. Questi i consigli delle Forze dell’ordine che continueranno i controlli su tutto il territorio castelvetranese (comprese le frazioni di Triscina e Marinella di Selinunte). «Il nostro impegno è a tutela della salute di tutti – spiegano – solo con la piena collaborazione riusciremo a evitare il facile contagio».