Essepiauto

Comunicato Stampa Orgoglio Castelvetranese – Apprendiamo con amarezza l’ennesimo esproprio che la nostra città sta per subire a seguito delle determinazioni dell’assessore regionale che ha reso noto ufficialmente la nuova riorganizzazione della rete ospedaliera regionale che prevede il forte declassamento del nostro ospedale Vittorio Emanuele II.

Le notizie che prevedono il trasferimento di alcuni reparti e la chiusura di altri comporteranno il declassamento del nostro nosocomio. Il comitato Orgoglio Castelvetranese non ci sta a subire supinamente l’ennesimo schiaffo ad una comunità già vilipesa è piegata da mille altre mancanze e chiede alla città tutta di mobilitarsi con un’iniziativa a difesa del nostro ospedale . Non ci possono essere bandiere o separazioni, non ci possono essere partiti o movimenti, simpatie o antipatie, retropensieri o boicottaggi.

Questa deve essere una battaglia unitaria di tutto il territorio che coinvolga tutti e che dimostri ad una politica sorda e cieca che questa comunità sa essere unita per la difesa di un bene indispensabile, di un presidio che salva vite umane e che un punto di riferimento per oltre centomila persone di tutta la valle del Belìce. Per tale motivo impegneremo anche i sindaci di tutti i paesi limitrofi ed i cittadini Belìcini e chiederemo anche un impegno concreto alla commissione straordinaria per mettersi al nostro fianco. Nei prossimi giorni comunicheremo i dettagli dell’iniziativa che metteremo in atto sabato 21 luglio e dovremo essere tutti pronti ad urlare:

Il portavoce del comitato Orgoglio Castelvetranese