Voglimi SELINUNTE

Il Comitato Orgoglio Castelvetranese prosegue con ferma convinzione la sua battaglia a salvaguardia dell’Ospedale Vittorio Emanuele II di Castelvetrano, sia con la petizione per cambiarne la denominazione in Ospedale Valle del Belice, sia per salvaguardarne la piena funzionalità che sarebbe fortemente compromessa dall’adozione della nuova rete ospedaliera promossa dall’assessore regionale alla Salute.

Nella giornata di ieri una delegazione del comitato composta dal presidente Antonio Colaci, dal vice-presidente Franco Messina e dai soci Rosalia Ventimiglia e Vito Signorello si è recata presso la sede dell’assessorato regionale alla Salute per depositare al protocollo sia la raccolta di firme, circa 9mila i cittadini dei vari comuni belicini che hanno sottoscritto questa azione, sia la richiesta per cambiare la denominazione del nosocomio castelvetranese.

Il comitato in questi mesi ha cercato in più occasioni di ottenere un appuntamento con l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, per illustrare le motivazioni e per rappresentare le gravi criticità che la chiusura di molti reparti comporterebbero per la popolazione di oltre 15 comuni delle province di Trapani e Agrigento che hanno nel nostro ospedale un prezioso punto di riferimento. A tal proposito è stato predisposto anche un corposo dossier , inviato a tutte le autorità dal Presidente della Repubblica al Prefetto allo stesso assessore Razza, all’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas). In attesa di conoscere il pronunciamento di Enti e Personalità coinvolte, il comitato ribadisce la ferma volontà di proseguire nell’azione a tutela della salute dei cittadini della valle del Belice.

Al contempo ci sia consentito un sentito ringraziamento ai sindaci dei comuni belicini che hanno deciso di sostenerci e di portare avanti una battaglia di vitale importanza, ed ai presidenti dei consigli comunali di Santa Ninfa e Salaparuta che con la preziosa disponibilità dei componenti dei consessi civici hanno approvato e portato avanti un ordine del giorno , indirizzato poi a tutte le Istituzioni preposte , al fine di salvaguardare e migliorare l’offerta sanitaria in favore dei cittadini del Belice, attraverso il potenziamento delle prestazioni sanitarie e assistenziali erogate dal Presidio Ospedaliero di Castelvetrano.

Il portavoce del Comitato
Orgoglio Castelvetranese