Dopo oltre quarant’anni di attività nell’ombra, per il Comandante Alfa è giunto il momento di togliersi il mephisto e mostrare il suo volto. L’uomo che dietro a una maschera di tessuto nero ha vigilato sulla sicurezza del nostro Paese, intervenendo nelle zone di maggiore tensione del mondo e portando a termine pericolosissime missioni (per lo più segrete) in Italia, ripercorre in questo libro le tappe salienti della sua esistenza fuori dal comune partendo da Castelvetrano in cui è cresciuto e che l’ha visto bambino e adolescente scapestrato e ribelle.

Il Comandante Alfa accompagna il lettore in un viaggio nella sua sfera privata, dove il rapporto con la madre è il preludio alla sua futura attività nel GIS, dove la lontananza da moglie e figli trova giustificazione in una missione più alta, dove la fratellanza con i compagni d’arme rappresenta la migliore difesa contro quella morte che accompagna gli uomini del GIS in ogni missione. Congedato dal servizio attivo, istruttore a tempo pieno e in prima linea per formare le nuove “teste di cuoio”, il Comandante Alfa può finalmente raccontare le fasi fondamentali della sua formazione come uomo e come agente speciale, soffermandosi sugli episodi cardine che gli hanno permesso di sopportare i rigori di una vita estrema, passata a dare la caccia a mafiosi, terroristi, rapitori e criminali di guerra. Senza mai perdere di vista le proprie radici.

Il Comandante Alfa è originario di Castelvetrano ed è stato uno dei fondatori del Gruppo d’Intervento Speciale, vanta una eccellente carriera nell’Arma dei Carabinieri per la quale ha ricevuto anche una Croce d’Oro al merito. E’ stato anche protagonista di iniziative di beneficienza in favore della comunità di Castelvetrano.