Atto vandalico o atto intimidatorio? È quanto dovranno chiarire i carabinieri della Compagnia di Mazara del Vallo su quanto è successo all’imprenditrice castelvetranese Annamaria Fontana: il suo negozio di vendita di cialde e capsule di caffè “Passion de cafè” di via Val di Mazara a Mazara del Vallo è stato preso di mira nella notte. Ignoti hanno bloccato le serrature di 4 delle 5 saracinesche del negozio con la colla e così la signora Fontana stamattina non ha potuto aprire il negozio. Il punto vendita di Mazara del Vallo (aperto da 3 anni e mezzo) è il terzo che gestisce l’imprenditrice. Altri due punti vendita sono aperti a Castelvetrano.

«Con impegno e difficoltà porto avanti le tre attività per sostenere la mia famiglia – ha detto la signora Annamaria Fontana – spero solo che si sia trattata di una “ragazzata” e non di un atto intimidatorio. Rimane il fatto che si tratta, comunque, di atti da condannare e che non fanno bene all’educazione civica di cui tanto si parla».