ASCOLTA L'ARTICOLO

Dal 9 al 24 ottobre 2021  gli alunni del 2° Circolo Didattico  hanno partecipato alla  Settimana europea della programmazione”, un evento annuale organizzato con il supporto della Commissione europea che  promuove la campagna di alfabetizzazione al pensiero computazionale attraverso il coding  e “mira a portare la programmazione e l’alfabetizzazione digitale a tutti  in modo divertente e coinvolgente”. Imparare a programmare  aiuta a dare un senso al mondo che cambia rapidamente intorno a noi, ad ampliare la comprensione di come funziona la tecnologia e a sviluppare abilità e capacità al fine di esplorare nuove idee e innovare.

Coordinati dall’Animatore digitale, ins. Nuccia Aiello, e guidati dagli insegnanti di classe  gli alunni sono stati coinvolti in modo attivo in un percorso formativo e hanno mostrato grande curiosità e vivo interesse nello svolgimento  di  molteplici attività: weblab in classe con EFTSICILIA  pixel art e coding con le perline nella prime classi;  pixel art tridimensionale e programmazione con Tino il robottino nelle classi seconde;  robotica e pixel art digitale nelle terze classi; robotica e coding sul piano cartesiano nelle classi quarte; sperimentazione di una mano robotica, pixel art, numerazione binaria,  nella classi quinte. Ciò ha permesso agli alunni di acquisire una maggiore familiarità con la programmazione visiva e digitale, usando strumenti e approcci innovativi che consentono loro di sviluppare capacità logiche, di ragionamento e di problem solving. Imparare a programmare  -afferma la Dirigente, prof. Maria Luisa Simanella- consente agli  alunni di essere all’avanguardia nella società odierna,  di sviluppare una migliore comprensione del mondo che li circonda con maggiori possibilità di successo nella loro vita. Le attività di coding e lo sviluppo del pensiero computazionale rappresentano un valore aggiunto nel curricolo di ciascun alunno. 

AUTORE.