Il Club per l’Unesco di Castelvetrano-Selinunte – presieduto da Nicola Miceli – si arricchisce di nuovi soci. Ieri sera, durante la cena sociale per lo scambio d’auguri, in un ristorante di Castelvetrano, sono stati ammessi diciannove nuovi soci che rinforzano le file del club il cui obiettivo è la promozione del territorio e dei beni culturali e archeologici.

I nuovi soci sono: Chiaramonte Giovanni, Conticelli Patrizia, Cusumano Baldo, Di Como Andrea, Lo Cascio Giuseppa, Firenze Francesco, Margiotta Gianluca, Miccichè Giuseppe, Curatolo Vito, Scarlata Mario, Rizzo Giacomo, Scalisi Vito, Scimemi Costantino, Chiesa Rita, Svizzero Santo, D’Angelo Piero, Signorello Girolamo, Li Petri Baldassare, Campo Laura.

Alla cena sociale hanno preso parte anche i sindaci di Castelvetrano (Enzo Alfano), Partanna (Nicola Catania) e Campobello di Mazara (Giuseppe Castiglione). Durante la cena sono stati anche ammessi come soci benemeriti per l’anno 2019: il fotografo Giuseppe La Grassa che ha contribuito all’organizzazione delle battute fotografiche organizzate dal Club, l’avvocato Giovanni Miceli, già direttore del Cam e appassionato di archeologia; e il musicista partannese Rosario Guzzo, autore di brani con cui ha vinto diversi premi e concorsi: “Lu Cantu Anticu”, “Itivinni”, “Chiudi l’Occhiuzzi tò”, pubblicati anche dalla Minerva Italica nelle antologia di libri di educazione musicale per la scuola secondaria di primo grado. Il suo brano “Lu Cantu Anticu” è diventato anche uno spettacolo musicale portato New York nel 2006 per l’Associazione “Castelvetranesi nel mondo” e a Bologna per il festival internazionale della storia.