Baglio Trinità Castelvetrano
Tutti gli articoli della sezione: RePOST
0commenti18 Nov 2019 di Francesco Saverio Calcara

I retroscena, quasi romanzeschi, sul recupero dell’EFEBO

Il mio ricordo di Rodolfo Siviero, per come me lo ha trasmesso mio padre, il quale, vicesindaco nel 1968, ebbe l’onore di avere riconsegnata da questo integerrimo funzionario la preziosa statuetta.

Dopo anni di pazienti ricerche, condotte anche all’estero e negli ambienti dei ricettatori – pare che al Comune fosse pervenuta una richiesta di riscatto di 25.000.000 di lire..

0commenti18 Nov 2019

Castelvetrano, singolari tombe del periodo preistorico – LE FOTO

Il territorio di Castelvetrano ha una storia ben più millenaria di quanto i magnifici templi greci ci indicano perché è fittamente costellato di numerosi siti archeologici del periodo preistorico. Questi siti sono disseminati un po’ ovunque e sono pressochè sconosciuti anche a noi abitanti del luogo. Vantiamo nel nostro territorio il Parco archeologico più grande d’Europa, conosciuto a livello mondiale; […]

0commenti18 Nov 2019

Attenzione alle olive “verniciate” con solfato di rame

Si torna a parlare del rischio di trovarsi vittime di una frode alimentare, quella che riguarda le olive verdi colorate con solfato di rame o clorofilla ramata. Come difendersi dalle cosiddette olive verniciate? Tempo fa un vero e proprio scandalo alimentare aveva colpito il settore delle olive verdi da tavola. Un blitz della Guardia di Finanza aveva infatti eseguito un maxi sequestro. […]

0commenti10 Nov 2019

SELINUNTE insieme a Hulot e Fougères – SFOGLIA ONLINE

[di Giuseppe L. Bonanno – Storie di Selinunte] Nel 2013 usciva, edito dal CRICD della Regione Siciliana, il volume Selinunte insieme a Hulot e Fougères, soprattutto opera dello scrivente, ma che, come si può vedere dai crediti, ha visto la collaborazione di tanti. Il testo base era il Sélinonte di J. Hulot e G. Fougères, uscito a Parigi, in cinquecento  copie, […]

0commenti16 Set 2019

Prevenire i tumori con l’olio da Nocellara del Belice

L’olio di Nocellara del belice, oltre ad essere tra i più pregiati di italia, contiene alte quantità di oleocantale e lignani componenti che esplicano una attività antiinfiammatoria e di contrasto rispetto all’insorgenza dei tumori.

nocellra anti tumori

0commenti2 Set 2019

Castelvetrano, donna Zenobia e la “Leggenda dell’Aironera”

Le vicende della permanenza di donna Zenobia a Castelvetrano, punteggiate da insofferenza per l’ambiente e da recriminazioni per il comportamento del duca, potrebbero aver dato fiato a voci e maldicenze da cui avrebbe preso origine la “leggenda dell’Aironera”.

Proprio in quegli anni, infatti, nel feudo della Favara, a poca distanza dall’abitato

0commenti15 Apr 2019

Gli straordinari “colori” dell’antica SELINUNTE

È difficile immaginare che i ruderi di Selinunte un tempo fossero monumenti pieni di colori vividi.

Pochi sanno infatti che un aspetto molto importante dell’architettura antica è stata la vivace policromia che caratterizzava l’ordine dorico. Negli edifici arcaici di Magna Grecia e Sicilia il diffuso uso di rivestimenti fittili..

0commenti25 Feb 2019

Nel 1996, Internet a Castelvetrano grazie a Dario Prinzi

Internet a Castelvetrano nasce nel 1996 per iniziativa di una attività di servizi nel settore informatico: la “CENTRO COMPUTERS” di via XX Settembre a Castelvetrano.

Il titolare, Dario Prinzi, da sempre appassionato di elettronica informatica e telecomunicazioni, fece in modo che il collegamento avvenisse a Castelvetrano tramite connessione urbana.

0commenti6 Mar 2018

“Bèlice” o “Belìce”: le ragioni di un nome

Qualche tempo fa, l’autorevole giornalista televisivo Demetrio Volcic, il quale, per un breve periodo, fu direttore del TG1, aveva promosso la lodevole iniziativa – che, purtroppo, a causa della instabilità dirigenziale della RAI, non poté essere realizzata – volta a far rispettare dall’emittente le locali pronunce dei nomi geografici, sottraendoli all’arbitrio, spesso di ascendenza anglofila, dei singoli giornalisti.

Vittima di tale tendenza fu, al tempo del sisma del ’68, la voce Belìce; essa, da parola piana che, rispettando la tradizionale pronuncia locale..

0commenti24 Gen 2018

Metope di Selinunte. Perché Atteone fu sbranato dai suoi cani?

Questa metopa faceva parte del fregio che decorava il lato est della cella del tempio dorico dedicato a Hera, a Selinunte.

E’ stata scolpita, come le altre metope del fregio, tra il 460 e 450 a.C. e come le altre metope del tempio di Hera è una straordinaria testimonianza di quello stile dell’arte greca

0commenti15 Gen 2018

[La scoperta] SELINUNTE: una città con due porti

Una città dentro il mare, con due lagune come porti naturali in cui zampillavano sorgenti d’acqua dolce, tre promontori alle spalle e la valle del Belice “autostrada” che conduceva fin quasi alle porte di Palermo: era questa Selinunte.

La più grande città del commercio del V secolo avanti Cristo che, per la prima volta..

0commenti21 Giu 2017

[VIDEO] Le origini di SELINUNTE all’arrivo dei selinuntini

Il momento della fondazione di Selinunte è stato scoperto dagli archeologi della New York University che è tornata a scavare nella zona dell’Acropoli, in particolare, nell’area del “Tempio R” tra i più antichi fin qui scavati in Sicilia.

Venti studiosi fra archeologici, architetti e restauratori, sotto la direzione di Clemente Marconi, professore romano “emigrato” a New York..

0commenti31 Gen 2017

SELINUNTE. Le scoperte del “quartiere artigianale” VIDEO

Gli scavi condotti sul versante orientale di Selinunte hanno portato alla luce le sezioni di un enorme quartiere artigianale di produzione di terrecotte e ceramiche greche.

Si tratta della più grande area artigianale del mondo antico ritrovata finora.