aula consiliare Castelvetrano

aula consiliare Castelvetrano

“Un’occasione persa” A dichiaralo sono i consiglieri comunali che hanno presentato la mozione di indirizzo per la riduzione del 20% delle indennità e di utilizzo delle somme risparmiate a favore degli indigenti.

Nella seduta di ieri sera si è consumato ancora un ennesimo scontro tra la maggioranza che sostiene il Sindaco Errante e l’opposizione all’interno del Consiglio Comunale, nonostante la mozione di indirizzo per la riduzione delle indennità di consiglieri, sindaco ed assessori nulla avesse a che vedere con i giochi di palazzo, come qualcuno ha cercato di far credere.

Non si è voluto ragionare con serenità e serietà sulla proposta: i consiglieri di maggioranza ci hanno solo accusato di demagogia e populismo, di propaganda elettorale anticipata, di mortificare la dignità dei consiglieri, di errori di concetto. Provocazioni che rimandiamo tutte al mittente.

La proposta è stata presentata come conseguenza dell’approvazione da parte del parlamento regionale della riforma che prevede, a partire dalla prossima legislatura, la riduzione delle indennità dei Sindaci e Consiglieri comunali nella misura pari al 20%.

Di fatto la mozione è stata respinta. E’ stata respinta la proposta di dare un segnale ai nostri concittadini di responsabilità, in un momento di pesante crisi economica, anticipando l’equiparazione, almeno a Castelvetrano, delle indennità di sindaci, assessori e consiglieri a quelle del resto d’Italia, con un ulteriore taglio del 20% e con un risparmio per l’Ente di circa 80.000 euro.

La riduzione non avrebbe di certo risolto i molteplici problemi di bilancio del nostro Comune, come qualcuno ha voluto sottolineare, ma restiamo convinti che ogni iniziativa che possa far risparmiare alle casse comunali qualche migliaio di euro da destinare a chi è più in difficoltà sia perfettamente in linea con il ruolo di rappresentanza della nostra comunità.

Non intendiamo abbandonare il percorso tracciato, continueremo a proporre al Consiglio Comunale mozioni e suggerimenti, continueremo a svolgere, con passione, intransigenza, serietà il nostro ruolo a servizio della comunità.
Rimaniamo in attesa di conoscere il prossimo bilancio di previsione e ci sforzeremo di trovare risorse da destinare alle fasce più deboli.

Firmato
Luciano Perricone
Giuseppe Curiale
Pasquale Calamia
Monica Di Bella
Gaetano Accardo
Maurizio Piazza
Giampiero Lo Piano Rametta