Questa mattina il Sindaco di Castelvetrano Enzo Alfano, gli Assessori Mistretta e Cappadonna insieme agli agenti del NOPA, il nucleo operativo di polizia ambientale della Polizia Municipale e ai Responsabili Dott Caradonna e Dott. Caime hanno eseguito un sopralluogo per verificare lo stato di alcune discariche abusive che sono presenti in diversi punti periferici della città. I problemi che emergono sulle discariche abusive del territorio comunale e delle frazioni marinare sono davvero gravosi.

“Le discariche abusive – si legge in una nota del Comune – sono per lo più composte da rifiuti ingombranti e materiali speciali quali: rottami di elettrodomestici, mobili, materassi e reti, sanitari, manufatti in ferro e legno, sfabbricidi derivati da piccole manutenzioni domestiche, residui di potatura, apparecchi ed elettronici (PC, fax, stereo, cellulari, TV) giocattoli voluminosi, vestiario ma anche organico. Il fenomeno potrebbe essere arginato con un continuo monitoraggio dei vari siti dove sono abbandonati i rifiuti per perseguire i responsabili delle violazioni, intensificando continuamente gli appostamenti. E’ evidente che un tale continuo controllo è dispendioso economicamente e prevede un impiego di forze ingenti. I cittadini devono capire che le discariche in periferia e le microdiscariche in città continueranno a rendere indecoroso il nostro territorio e che le piattaforme NON ACCETTANO PIÙ RIFIUTI NON DIFFERENZIATI.

Sono all’ordine del giorno notizie di abbandoni di rifiuti lungo le nostre strade e campagne, più volte è stato sottolineato che questi gesti sono frutto di maleducazione e inciviltà, comportano costi economici e ambientali che ricadono sull’intera collettività. Il danno degli abbandoni è di due tipi: deturpazione dell’ambiente, sia dal punto di vista estetico (e alcune nostre aree turistiche ne soffrono) sia da quello della salute ed economico, infatti intervenire dove hanno agito questi trasgressori comporta delle spese elevate. È necessario diventare dei “controllori ambientali”, evitando di girarci dall’altra parte quando qualcuno trasforma in discariche a cielo aperto i luoghi nei quali viviamo. Chiunque veda qualcuno nell’atto di abbandonare i rifiuti può denunciare tempestivamente alle autorità competenti. L’omertà favorisce solamente i violatori ambientali.