Voglimi SELINUNTE

Rimane critica la situazione della raccolta dei rifiuti sul territorio di Castelvetrano e delle frazioni di Triscina e Selinunte. Il momentaneo stop alla raccolta dell’organico è stato superato e ora i mezzi raggiungono un impianto di Alcamo, individuato come stazione di trasferenza, da dove poi l’umido raggiunge, con altri mezzi, un impianto in Calabria. Nonostante questo, però, la situazione difficilmente potrà tornare alla normalità.

«C’è una carenza di organico della Dusty che non riesce a garantire il servizio per Castelvetrano e le frazioni di Triscina e Selinunte, oramai piene di vacanzieri» ammette l’assessore Irene Barresi che mercoledì riferirà in consiglio comunale (in risposta a un’interrogazione della minoranza). C’è poi l’altro fronte, quella del cattivo comportamento dei cittadini che non differenziano come si deve. E così gli operatori, individuando frazioni nobili (carta, plastica, lattine, vetro) mischiate tra di loro, non ritirano il sacchetto davanti le abitazioni.

Un terzo fronte è quello della quantità autorizzata di rifiuti da poter conferire in discarica a Trapani: 37 tonnellate a giorno, a fronte di una produzione maggiore, «così ci ritroviamo ad avere i mezzi pieni che devono scaricare l’indomani, procurando ritardi nel servizio» spiega la Barresi. Intanto l’assessore assicura un impegno: «Come Amministrazione comunale stiamo mettendo in campo le soluzioni al problema». E tra queste ci sarà la richiesta alla Dusty di aumentare il personale.