I sottoscritti Consiglieri Comunali, Giuseppe Curiale, Vincenza Viola, Calogero Martire e Salvatore Stuppia, aderenti al Gruppo Consiliare “Obiettivo Città”, nell’esercizio delle proprie e rispettive competenze, ai sensi dell’art. 57 del Regolamento del Consiglio Comunale, con la presente Mozione, quale atto di promozione ed indirizzo,

  • Premesso che il Sindaco dott. Enzo Alfano e la Sua Giunta nei giorni scorsi hanno deliberato, gesto apprezzabilissimo, la riduzione della loro indennità del 20%, convinti che per richiedere dei sacrifici ai cittadini, le istituzioni, in un momento così delicato per la nostra città, devono essere credibili e dare l’esempio;
  • Premesso che per dare una vera svolta a Castelvetrano i nostri concittadini avrebbero certamente apprezzato una maggiore decurtazione, se non l’azzeramento delle indennità di funzione, ritenute dal nostro Sindaco degli sprechi;
  • Premesso che, pur condividendo il pensiero del sociologo tedesco Max Weber sulla classe politica che per essere indipendente ha bisogno di una indennità adeguata per l’incarico che ricopre e che la democrazia ha un costo ed è giusto sostenerla, oggi a Castelvetrano occorre andare oltre tale pensiero vista la situazione di difficoltà economica in cui versano le casse comunali;
  • Premesso che la gravissima crisi economica e finanziaria nazionale e locale alla quale assistiamo comporta notevoli sacrifici a carico della collettività, che attende in primis dagli amministratori una rimodulazione significativa dei costi della politica (non dimentichiamo che il dissesto finanziario è una vera piaga per Castelvetrano);
  • Premesso che la dichiarazione di dissesto dello scorso 15 febbraio 2019 ha causato un inevitabile aumento esponenziale delle imposte, tasse e tariffe locali nella misura massima consentita dalla legge, che ricadrà inesorabilmente sulla comunità castelvetranese per i prossimi anni;
  • Premesso che in questo difficile momento economico per Castelvetrano si rende quanto mai opportuno dare ai nostri concittadini un segnale di sobrietà e forte responsabilità eliminando totalmente, anche se solo per un periodo ben definito e determinato, sia le indennità di funzione sia i gettoni di presenza, mettendo in campo unicamente la passione politica;
  • Premesso che Fare politica significa impegnarsi in qualcosa di nobile, mettere il proprio tempo a disposizione di una comunità, servire il popolo senza chiedere nulla in cambio, governare per trovare delle soluzioni ai problemi quotidiani”;
  • Premesso che si rende necessario dimostrare che fare politica vuol dire davvero mettersi “a servizio” della comunità, senza alcun rendiconto economico;

Tutto ciò premesso

Impegnano

  1. il Consiglio Comunale a pronunciarsi in ordine alla proposta di azzeramento dell’indennità di funzione dei Consiglieri Comunali per un periodo di 2 (due) anni;
  2. il Sindaco e gli Assessori comunali di deliberare sull’azzeramento della loro indennità di funzione per un periodo di due anni;
  3. il Consiglio Comunale di pronunciarsi in ordine ad una scelta consapevole, che vincoli l’Amministrazione comunale a che il risparmio annuale da questa manovra (circa 300 mila €uro l’anno) possa essere utilizzato esclusivamente per il decoro e l’arredo urbano della città di Castelvetrano e delle borgate di Marinella di Selinunte e Triscina al fine di dare un immediato impulso al rilancio economico e turistico del territorio, previa condivisione dei progetti e delle iniziative con lo stesso Consiglio Comunale;
  4. il Sindaco, gli Assessori comunali e il Consiglio Comunale a rivalutare l’ipotesi eventuale di determinare la misura dell’indennità di funzione spettante allo scadere dei due anni.

Si chiede l’iscrizione della presente mozione all’O.d.G. del prossimo consiglio comunale.

Castelvetrano, 21 giugno 2019

F.to i Consiglieri Comunali di “Obiettivo Città”:

Curiale Giuseppe     (primo firmatario)

Viola Vincenza

Martire Calogero

Stuppia Salvatore