La gestione del problema randagismo, fa litigare ancora una volta gli animalisti e l’amministrazione comunale di Castelvetrano guidata dal sindaco Felice Errante. L’ultima polemica, scaturisce dal trasferimento coatto dei cani del Sistema delle Piazze, meglio conosciuti come, «i cani del comune» visto che spesso, preferivano sostare davanti il portone di Palazzo Pignatelli.  I due cani, seppur di strada, venivano seguiti dalle associazioni animaliste e da alcuni volontari.

canile castelvetrano

Elena Martorana, con i soci dell’Enpa e altri cittadini, amanti degli animali, nutrivano i due cani del palazzo comunale, peraltro regolarmente registrati con i relativi microchip. I cani erano conosciuti da tutti i frequentatori delle piazze. Verosimilmente, a seguito di alcune segnalazioni, l’amministrazione comunale per il tramite degli uffici di competenza, ha deciso di trasferire i due randagi in un altro luogo e lontano dal centro abitato.

Un provvedimento che ha fatto divampare la polemica. L’Enpa di Castelvetrano e del’animalista Enzo Napoli pretendono spiegazioni. «Dove sono finiti i cani -chiede Napoli – quale è stata la loro fine? Come si trasferiscono questi animali senza avvertire nessuno?».

canile castelvetrano randagi

di Filippo Siragusa
per GdS (continua sul quotidiano)