Pubblicata sul sito del Comune di Castelvetrano la delibera di Giunta n°61 del 02 aprile 2020 con la quale sono state predisposte le misure urgenti di solidarietà alimentare e l’approvazione degli avvisi per l’assegnazione del buono spesa a favore di persone e/o famiglie in condizioni di disagio economico e sociale causato dalla situazione emergenziale in atto, provocata dalla diffusione di agenti virali trasmissibili (covid-19).

Il disciplinare, integrato nella delibera, regola criteri e modalità per la concessione dei buoni spesa di cui all’Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile n. 658 del 29/03/2020, adottata al fine di fronteggiare i bisogni alimentari e di medicine dei nuclei familiari privi della possibilità di approvvigionarsi di generi di prima necessità, a causa dell’emergenza derivante dall’epidemia COVID-19.

Il valore del buono spesa è commisurato al numero dei componenti il nucleo familiare, ed è determinato in un importo una tantum, del seguente importo:

n. 1 componente € 120,00
n. 2 componenti € 220,00
n. 3 componenti € 320,00
n. 4 componenti € 380,00
n. 5 componenti € 420,00

L’importo di € 420,00 rappresenta il valore massimo del buono spesa; tale importo massimo viene erogato, indipendentemente dal numero dei componenti dei nucleo familiare, in presenza di minori fino a anni 2 ovvero in presenza di soggetti portatori di disabilità.
Nel limite della disponibilità finanziaria, è possibile riconoscere una somma aggiuntiva pari a 30 euro per spese per medicinali.

Tale eventuale somma aggiuntiva sarà assegnata al nucleo in fase di prima presa in carico da parte del Servizio sociale competente.

I Buoni Spesa possono essere utilizzati presso tutti gli esercizi commerciali e farmacie convenzionate ed elencati sull’home page dell’Ente.

Per quanto riguarda le farmacie i buoni spesa saranno una tantum erogati su valutazione del Servizio sociale professionale che in fase di primo colloquio rileva il bisogno e nelle more del finanziamento sarà massimo pari a € 30,00 per nucleo familiare.

Modalità di concessione del buono spesa ed individuazione dei beneficiari:

1. I beneficiari sono individuati mediante la stesura di appositi elenchi stilati dall’Ufficio Servizi Sociali sulla base dei principi definiti dall’OCDPC n. 658 del 29/03/2020, pertanto tenendo conto dei nuclei familiari più esposti ai rischi derivanti dall’emergenza epidemiologica da virus COVID-19 con priorità verso quelli non già assegnatari di altra contribuzione pubblica.

Le misure di solidarietà alimentare sono destinate alle persone di cui al punto 2 che risultano in stato di bisogno ovvero che, a causa della crisi generata dall’emergenza epidemiologica in atto, hanno subíto una riduzione di reddito che non gli consente di acquistare i beni alimentari destinati al sostentamento proprio e del nucleo familiare.

In particolare, rientrano tra i destinatari degli interventi di solidarietà alimentare:

a)  le persone prive di qualsiasi reddito o copertura assistenziale, o titolari di trattamento pensionistico non valido ai fini del reddito, già prese in carico o trattate dai Servizi Sociali delComune ovvero segnalate da enti del Terzo settore;

b)  tutti quei soggetti che, nell’attuale situazione di emergenza sanitaria ed economica, a causadella perdita o contrazione del reddito si trovano in difficoltà finanziarie; in via esemplificativa:

  • lavoratori dipendenti o autonomi interessati da crisi di liquidità connessa all’interruzione o alla riduzione dell’attività lavorativa causata dalle misure di cui ai decreti del Presidente del Consiglio dei ministri in materia di contrasto al COVID-19 (lavoratori dipendenti la cui attività è stata sospesa, titolari di partita iva o di piccole aziende la cui attività è stata sospesa ovvero per cui si è registrata una drastica riduzione delle attività, lavoratori con reddito di natura occasionale la cui attività è impedita, soci lavoratori di attività la cui attività è statasospesa, ecc…);
  • persone e nuclei familiari invisibili che vivono di lavori saltuari o intermittenti.

Le istanze sono validate dal Servizio sociale professionale competente che attesta l’effettivo stato di necessità economica derivante dall’emergenza “CoronaVirus”.

Saranno ammesse al beneficio le famiglie in possesso dei requisiti sopra definiti, in ordine di presentazione delle domande, fino ad esaurimento delle somme disponibili da parte del Comune.

Ai fini dell’istruttoria delle istanze, dalle quali dovranno emergere i presupposti per la concessione del beneficio, gli utenti saranno contattati a mezzo telefono o e-mail ed successivamente con la medesima modalità sarà comunicata l’ammissione al buono spesa, l’importo dello stesso e le modalità per spenderlo. Non saranno consegnati buoni cartacei.

L’esercizio commerciale, con cadenza settimanale, bisettimanale o secondo la tempistica maggiormente rispondente alla propria organizzazione, emette idoneo documento contabile al Comune sulla base delle modalità di cui all’atto di convenzione stipulato con il Comune.

L’Ufficio provvede alla liquidazione delle fatture emesse dagli esercizi commerciali entro giorni 15 dal ricevimento.

CLICCA QUI PER SCARICARE IL DISCIPLINARE