Qualche settimana fa aveva lanciato la richiesta di aiuto: «Continuando così, non potrà più riuscire a dare da mangiare agli animali». Filippo Carimi che a Castelvetrano gestisce il Parco fattoria intitolato alla memoria di suo figlio Rosario (morto all’età di 14 anni), è tornato a far sentire la propria voce, lanciando ora un appello al Presidente della Regione, Nello Musumeci. Dopo l’appello di qualche settimana fa e l’avvio di una raccolta fondi, è riuscito a ottenere quasi duemila euro. Ma non bastano per il sostentamento dei 400 animali del Parco.

Ecco perché ha scritto al Presidente Musumeci, chiedendo aiuto. «La nostra struttura si è sempre mantenuta in totale autonomia, lavorando e organizzando eventi principalmente con le scuole, quali visite guidate, gite scolastiche, campus e tante altre attività. Quest’anno, a causa della pandemia “Covid-19” e la sospensione conseguente delle attività scolastiche, sono state tutte annullate». Carimi ha spiegato a Musumeci che «abbiamo perso tutto ciò che ci consentiva il nostro sostentamento, pur continuando nel mantenimento e l’accudimento degli animali presenti con sforzi immani, ricorrendo ai modesti risparmi personali e al contributo di qualche associato».

Quel mantenimento, però, oggi è in serio pericolo: «Molti di noi non possono più neppure contare su un proprio lavoro e, quindi, non sono più in grado di donare alcunché». L’appello a Musumeci è accorato: «Lei, in qualità di Presidente della mia Regione e quale uomo appassionato di cavalli e amante degli animali in genere, speriamo possa fare qualcosa per aiutarci ad aiutare questi animali che non hanno colpa in tutto questo».