ZANCANA Castelvetrano

Continua senza tregua la lotta dell’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Giuseppe Castiglione contro chi abbandona i rifiuti per strada.

Altre 30 multe sono state infatti elevate dalla Polizia municipale nel mese di novembre, dodici delle quali rilevate grazie al sistema di videosorveglianza mobile.

In questi giorni, infatti, dopo aver visualizzato ore e ore di videoregistrazioni, gli agenti della Polizia Municipale stanno procedendo alla notifica dei verbali riguardanti le infrazioni accertate.

Grazie proprio alle videoregistrazioni effettuate dai vigili urbani di Campobello sono emerse diverse infrazioni che riguardano in particolar modo alcune zone del territorio comunale, tra cui l’area parcheggio di via CB21 nei pressi del Cimitero, la via Cascavallo, la via Libertà, la strada retrostante il Cimitero Comunale, diverse zone nelle vicinanze dello Stadio Comunale e dell’acquedotto, la via CB29 e l’area adibita a parcheggio all’ingresso di Tre Fontane.

Ai trasgressori saranno applicate le sanzioni previste dalla vigente normativa in materia, che vanno da un minimo di 100 euro a un massimo di 26mila euro, a seconda della tipologia di rifiuti abbandonata, sino a arrivare a vere e proprie sanzioni penali (arresto da un minimo di tre mesi ad un massimo di due anni, a seconda se i rifiuti abbandonati siano pericolosi o non).

«Nonostante le esigue risorse umane e tecniche di cui dispone il Corpo di Polizia municipale – afferma il comandante Giuliano Panierino – la nostra lotta quotidiana nei confronti di chi non vuol capire dove e come devono essere conferiti i rifiuti continua incessantemente. Nei prossimi giorni, l’attuale dotazione tecnica di cui disponiamo sarà incrementata grazie alla consegna di una nuova e più sofisticata apparecchiatura di videoregistrazione».

«Non è più tollerabile – aggiunge il sindaco Castiglione – che, nonostante la gran parte dei cittadini ormai rispetti l’ordinanza sindacale che impone a tutti l’obbligo di fare scrupolosamente la raccolta differenziata, vi siano purtroppo ancora tante persone che continuano a non differenziare i rifiuti, mettendo tutto indiscriminatamente nel sacco nero o abbandonando selvaggiamente per strada e nelle campagne sacchetti di spazzatura, che in pochissimo tempo si accumulano diventando vere e proprie montagne che deturpano tristemente il territorio e l’ambiente, vanificando i continui sforzi compiuti dall’Amministrazione comunale per mantenere il territorio pulito. Proprio per questo i controlli continueranno e saranno intensificati sempre di più in modo da contrastare gli incivili che indegnamente continuano a sporcare il nostro territorio, procurando danno a tutti i cittadini campobellesi».

Il Portavoce

Antonella Bonsignore