L’assessore comunale alla Solidarietà sociale Donatella Randazzo rende noto che l’emporio solidale di via Umberto I resterà chiuso per tutta la settimana corrente a causa di un furto di vestiario che è stato perpetrato la settimana scorsa da parte di ignoti.
Nelle mattinata di venerdì scorso (27 settembre), le volontarie delle associazioni Caritas e Avel che gestiscono l’emporio, istituito dall’Amministrazione comunale di Campobello di Mazara, guidata dal sindaco Giuseppe Castiglione nel mese di giugno scorso, hanno infatti trovato tutta l’intera struttura a soqquadro, con una grande quantità di sacchetti contenenti vestiario inutilizzabile sparso dappertutto e le scaffalature prive di gran parte dei capi d’abbigliamento e degli oggetti che erano stati accuratamente selezionati e sistemati al fine di essere donati alle famiglie bisognose che ne avrebbero fatto richiesta.


«Non posso che esprimere grande amarezza – dichiara l’assessore Randazzo – per il gesto che abbiamo subito e che denota mancanza di sensibilità e di rispetto nei confronti sia delle persone più deboli sia delle volontarie che con abnegazione e spirito di servizio si adoperano al fine di mantenere sempre ordinato, decoroso e fruibile il centro. Al fine di consentire la risistemazione di tutto il vestiario e degli oggetti presenti all’interno dell’edificio, siamo dunque costretti a chiudere l’emporio per l’intera settimana nell’auspicio che fatti del genere non si ripetano più».

Il Portavoce
Antonella Bonsignore