Un uomo di Campobello di Mazara, F.G., 46 anni, è stato condannato a 2 anni e 6 mesi per i reati di maltrattamenti contro i familiari e per lesioni personali nei confronti della moglie, C.R. 48 anni. La sentenza è stata emessa dal Tribunale di Marsala (Presidente Lorenzo Chiaramonte). L’imputato è stato anche condannato al pagamento di 10.000 euro come risarcimento nei confronti della parte civile e delle spese processuali. I fatti risalgono al 2016.

«Siamo soddisfatti dell’esito del processo, stante che il giudice ha fatto proprio l’impianto accusatorio della Procura della Repubblica di Marsala a cui la nostra difesa ha aderito. Attendiamo fiduciosi di leggere le motivazioni della sentenza convinti che, comunque, l’impianto accusatorio reggerà anche in caso di eventuale appello. Spero che la diffusione di notizie di condanna per reati del genere possa spingere altre donne a denunciare eventuali maltrattamenti subiti tra le mura domestiche», ha detto l’avvocato Giuseppe Accardo, difensore della parte civile e persona offesa.

«Attendiamo il deposito delle motivazioni, che avverrà fra 90 giorni, anche se già sin d’ora siamo propensi ad appellare la sentenza emessa dal Tribunale di Marsala», ha dichiarato l’avvocato Giuseppe Pantaleo, difensore dell’imputato.  

In foto l’Avv. Accardo Giuseppe, difensore della vittima

In foto l’Avv. Giuseppe Pantaleo