Pennello, tela e non solo. Ora c’è anche il tessuto tra i materiali che Calogero Risalvato, 36 anni, di Castelvetrano, dipinge. Il suo nome, per la prima volta, compare nell’Annuario d’arte moderna “Artisti contemporanei 2020”: «Un traguardo di prestigio che non mi aspettavo», commenta Calogero. Un testo che circola tra galleristi, collezionisti, critici d’arte e direttori di musei. Tra le pagine ci sono anche le opere di Carla Accardi, Tano Festa, Christian Balzano, tanto per fare alcuni nomi. Il nome di Calogero Risalvato compare con l’opera “Nettuno”, olio su damascato rosa. E finire tra quelle pagine è stata una vera sorpresa per il giovane castelvetranese. Il tutto è nato dall’amicizia con Giampiero Castellano e la moglie Daniela Scala, curatori di diverse mostre e molto vicini alla Casa d’arte toscana “San Lorenzo”.

«La mia passione per l’arte è nata da bambino – si racconta a CastelvetranoSelinunte.it Calogero Risalvato – poi ho frequentato il Liceo artistico a Castelvetrano e l’Accademia a Palermo». Lo studio e la passione Calogero l’ha potuto mettere a frutto sin da subito fuori Castelvetrano, lavorando nei villaggi turistici come scenografo. «Da 13 anni giro tra le più belle strutture ricettive d’Italia, ma il mio cuore è sempre alla mia città, Castelvetrano: qui ho un laboratorio dove lavoro d’inverno». Dieci quadri a tema mitologico di Calogero Risalvato saranno ora esposti presso la Casa d’arte “San Lorenzo”. Ma è già pronta anche una nuova collezione di dipinti a olio su tessuto. «Per Castelvetrano? Sogno una città a colori dove possa trionfare la bellezza», conclude Calogero. Intanto lui a colorare a festa alcuni angoli di Castelvetrano ci ha pensato già in maniera gratuita: come i murales sul muro di cinta dello stadio comunale che portano la sua firma.