ASCOLTA L'ARTICOLO

In Sicilia sono 13 i comuni che sono stati ammessi a concorrere all’erogazione dei contributi a fondo perduto fino a 200 mila euro, erogati dall’Agenza di sviluppo del Mezzogiorno. Due sono i Comuni del Trapanese: Castelvetrano e Favignana. La lista si completa con: Cefalù, Agrigento, Noto, Modica, Scicli, Zafferana Etnea, Acireale, Acicastello, Lipari, Giardini Naxos e Taormina. Si tratta di un contributo-sostegno alle piccole e medie città d’arte e ai borghi che, a causa del Covid-19, sono state colpite dalla diminuzione dei flussi turistici tra il 2019 e il 2020.

«I comuni – spiega Giuseppe Sciarabba, presidente dell’Agenzia di sviluppo del Mezzogiorno – possono presentare richiesta di contributo per un solo progetto che dovrà contenere misure per la promozione e il rilancio del patrimonio artistico riguardanti iniziative ed eventi che facilitino il coinvolgimento di cittadini e portatori di interessi. Ma anche per iniziative mirate all’aumento della fruizione del patrimonio artistico, ampliandone l’accessibilità a tutte le categorie di utenti in modo sostenibile e inclusivo. E ancora: attività di studio e ricerca sul patrimonio artistico cittadino da diffondere tramite elaborazione e attuazione di progetti formativi e di aggiornamento; iniziative di promozione e comunicazione, anche digitale, del patrimonio artistico e delle attività di valorizzazione a esso dedicate; e infine servizi di assistenza culturale e di ospitalità per il pubblico».

Secondo l’Agenzia di sviluppo del Mezzogiorno, in due anni, la perdita per i 13 comuni siciliani è stata di 3 milioni. Solo a Castelvetrano la perdita di turisti è stata di -212.466.

AUTORE.