Le risultanze investigative raccolte dai Carabinieri della Compagnia di Marsala dal 2013 ad oggi, sotto la guida della Procura della Repubblica, hanno determinato il G.I.P. del Tribunale di Marsala ad emettere un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, per Giacalone Matteo, e degli arresti domiciliari con braccialetto elettronico per la HernandezHortizMarizaHivilin , in ordine ai reati di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.

Per T.F., invece, in attesa del processo, è stata disposta la misura cautelare del divieto di esercitare l’attività imprenditoriale di agente immobiliare per la durata di sei mesi.
Gli altri 5 soggetti emersi nel corso dell’attività d’indagine condotta dai militari dell’Arma e che risultano ad oggi indagati a vario titolo, dovranno spiegare dinanzi al Giudice il loro ruolo nella vicenda.

L’esecuzione dell’ordinanza ha portato anche al sequestro preventivo di 8 immobili nella disponibilità degli indagati ove veniva espletata l’attività di meretricio, di cui 7 dislocati per la maggior parte nel centro di Marsala ed uno a Mazara del Vallo, impedendo così la prosecuzione dell’attività criminale.

Legione Carabinieri “Sicilia”
Comando Provinciale di Trapani
COMUNICATO STAMPA