Tra le iniziative finalizzate alla ripresa economica (il cosiddetto Decreto Rilancio), vi è in bozza anche quella di estendere il bonus per le famiglie che vorranno fare le proprie vacanze in Italia. Il limite di reddito ISEE per richiedere il contributo è stato infatti esteso da un tetto iniziale che prevedeva tale bonus per tutte le famiglie con un reddito massimo di 35 mila euro, ad un nuovo limite che si estende fino a 50mila euro.

Il contributo potrà essere utilizzato nelle strutture ricettive come alberghi e b&b a fronte di pagamenti registrati con fattura o con documenti che certificano il soggiorno e rimane di 500 euro a famiglia.
Per le coppie invece il bonus avrà un valore di 300 euro, ma vi è anche la possibilità di riceverlo pure se si è da soli e, in quel caso, il contributo sarà di 150 euro.

Con questa iniziativa si cerca di dare risposta ad una duplice situazione: se da un lato, infatti, è stata principalmente ideata per incentivare e promuovere il settore del turismo che è uno dei più sofferenti, dall’altro si è voluto anche dare una mano a tutte quelle persone che a causa dei minori guadagni, quest’anno non potranno permettersi delle vacanze.