Da Trapani-Birgi si potrà volare con le tariffe agevolate. Il Tribunale amministrativo regionale del Lazio ha respinto il ricorso che la compagnia irlandese Ryanair aveva presentato per sospendere, in via cautelare, il decreto del Ministro dei Trasporti dell’8 gennaio scorso. Il testo riguardava l’imposizione di oneri di servizio pubblico (OSP) su alcuni servizi aerei di linea finalizzati ad assicurare la continuità territoriale del Paese. A essere interessate sono le tratte da e per Trapani dalle città di Trieste, Brindisi, Parma, Ancona, Perugia e Napoli, aggiudicate – nel frattempo – dalle compagnie “Tayaranjet” (Ancona, Perugia, Trieste) e “Albastar” (Brindisi, Parma, Napoli).

L’eventuale accoglimento del ricorso di Ryanair da parte del Tar avrebbe, intanto, sospeso le tratte. Il Presidente dell’Airgest Salvatore Ombra, da poco anche alla guida di “Aira”, la neonata Associazione nazionale degli aeroporti minori, spiega che «è necessario che i piccoli aeroporti attraggono operatori aerei, creando nuove rotte e nuovi mercati, che andranno ad integrare, e non a penalizzare, le attività degli scali maggiori. La ricca rete di aeroporti regionali è un’opportunità; vincoli e regolazioni uguali a quelli degli aeroporti maggiori non possono penalizzare i piccoli scali».