Un solo colpo di fucile al petto. Così è stato ucciso Vincenzo Adamo Favoroso, 33 anni, di Castelvetrano. È questo quanto è emerso dall’autopsia sul corpo del giovane che è stata effettuata nel pomeriggio di oggi, presso l’obitorio del cimitero di Castelvetrano. L’esame autoptico è stato svolto da Antonina Argo dell’Istituto di medicina legale del Policlinico di Palermo, alla presenza del medico legale Antonino Margiotta, nominato consulente da parte della famiglia di Gaspare Favara (attualmente l’unico indiziato dell’omicidio), che ha affidato la difesa all’avvocato Massimo Mattozzi.

Intanto sul fronte giudiziario è stato fissato per lunedì mattina alle 9, presso il carcere di Trapani, l’interrogatorio di garanzia al presunto omicida Gaspare Favara da parte del giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Marsala. Le indagini, comunque, sono tutt’altro che concluse. I carabinieri sono alla ricerca di prove per scoprire se il Favara ha agito da solo o con la complicità di altre persone. Sarà da chiarire anche il possibile movente alla base dell’omicidio.