ASCOLTA L'ARTICOLO

Numerosi disservizi del Consorzio di bonifica “Agrigento 3” che, a sua volta, si riversano sugli agricoltori. Da tempo la Consulta agricola spontanea denuncia lo stato di fatto in cui si trova il Consorzio di bonifica che fornisce l’acqua agli agricoltori soprattutto in questa stagione calda e arida. «Ci ritroviamo di fronte a una politica regionale miope nei confronti delle istanze degli agricoltori ci ha riempito di false promesse e pochi fatti concreti», dice la Consulta.

Al danno ora la beffa. «Apprendiamo, con notevole disappunto, una proposta di deliberazione del 28 aprile dove sono state stabilite le nuove tariffe per il 2022: beneficio irriguo € 150,00 per Ha (era € 75,00 nel 2021) e il costo dell’acqua a € 0,29 al mc (era € 0,21 al mc nel 2021)». Per la Consulta quello che stanno vivendo le aziende agricole è un momento di grande difficoltà dovuto al rincaro dei costi energetici e a una speculazione senza precedenti. «Questo ulteriore aumento significherebbe il definitivo affossamento del comparto agricolo. Non possiamo accettare simili tariffe, pertanto chiediamo alle istituzioni regionali un passo indietro ed una forte presa di responsabilità in difesa del comparto», spiegano dalla Consulta.

AUTORE.