wpid-wp-1423825875934.jpegErano le 18.00 circa di martedì, quando un pregiudicato castelvetranese si è introdotto nel locale della farmacia Rizzuto, nei pressi del teatro Selinus, a Castelvetrano.

All’interno del negozio erano presenti la titolare e sua figlia. L’uomo, a volto scoperto, avrebbe puntato un coltello da tavola all’addome della titolare, intimandole di consegnargli l’incasso. Nonostante la paura le due donne sono riuscite, però, a spingere il malvivente fuori dal negozio e a metterlo in fuga attirando l’attenzione dei passanti con delle urla.

Immediato l’intervento dei carabinieri della Compagnia di Castelvetrano. I militari dell’Arma, raccolte le prime testimonianze da parte delle vittime, si sono posti alle ricerche del rapinatore, rintracciandolo e bloccandolo circa venti minuti più tardi in via Garibaldi.

Puccio Vito, 48 anni, già noto alle forze dell’ordine, è stato quindi sottoposto a perquisizione personale. Nel giubbotto custodiva ancora il coltello utilizzato poco prima nel tentativo di mettere a segno la rapina alla farmacia. Poco dopo, negli uffici della Nucleo Operativo e Radiomobile, Puccio è stato dichiarato in arresto per tentata rapina aggravata e porto abusivo di armi e strumenti atti ad offendere. Dopo le formalità di rito, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, per il malvivente si sono aperte le porte del carcere “San Giuliano” di Trapani, dove è attualmente detenuto. A seguito della convalida dell’arresto, per Puccio è stata confermata la misura cautelare della detenzione in carcere.

Comunicato Stampa CC Castelvetrano