Due presunti ordigni bellici sono stati individuati la scorsa domenica da un giovane apneista di Marsala,  residente da anni a Marinella di Selinunte. Eugenio Catalano, durante un allenamento, ha notato i due oggetti in un fondale a una cinquantina di metri dalla battigia antistante lo stabilimento balneare Lido Tukè.

Immediata la segnalazione alla Capitaneria di Porto da parte dello stesso sportivo assieme ai bagnini della località balneare

Nell’attesa che su disposizione della prefettura di Trapani arrivi il Nucleo artificieri, la Capitaneria di porto di Mazara del Vallo ha emanato un’ordinanza che vieta il transito di natanti, la balneazione e altre attività in un raggio di cinquanta metri dallo specchio di mare in questione individuato in posizione Lat: 37°34’55″N e Long: 012°

Il Comune di Castelvetrano è incaricato di transennare adeguatamente il tratto di spiaggia antistante lo specchio acqueo interessato, con apposizione di idonei cartelli monitori di divieto, ben visibili, ed interdire il transito in quell’area sino ad avvenuta rimozione/distruzione del citato ordigno.