Il Sindaco della città di Castelvetrano Selinunte, Avv. Felice Errante, ha preso parte alla iniziativa “Terremoto io non rischio”, la campagna promossa dal Dipartimento della Protezione Civile e dall’Anpas-Associazione Nazionale delle Pubbliche Assistenze, in collaborazione con l’Ingv-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e con ReLuis-Consorzio della Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica e in accordo con le Regioni.

image

L’inserimento del rischio maremoto e del rischio alluvione ha visto il coinvolgimento di Ispra-Istituto superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, Ogs-Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, AiPo-Agenzia Interregionale per il fiume Po, Arpa Emilia-Romagna, Autorità di Bacino del fiume Arno, CamiLab-Università della Calabria, Fondazione Cima e Irpi-Istituto di ricerca per la Protezione idro-geologica. Sono intervenuti anche il Dirigente Generale della Protezione Civile siciliana, Ing. Calogero Foti e gli osservatori della Reluis che hanno manifestato il loro compiacimento per l’allestimento curato dall’associazione Angeli per la Vita di Castelvetrano. 

image

La Protezione Civile, le istituzioni e il mondo della ricerca scientifica si impegnano insieme per la campagna informativa nazionale per la riduzione del rischio sismico: oltre 4000 volontari di 14 associazioni nazionali di protezione civile allestiranno punti informativi “Io non rischio” in 430 piazze, distribuite su quasi tutto il territorio nazionale, per sensibilizzare i propri concittadini sul rischio sismico.
Nella giornata di ieri e per tutta la giornata di oggi , in contemporanea con le altre piazze in tutta Italia, i volontari dell’associazione Angeli per la Vita di Castelvetrano, diretti da Rosy Milazzo, partecipano alla campagna “Terremoto io non rischio” con punti informativi allestiti nel Sistema delle Piazze a Castelvetrano per distribuire materiale informativo, rispondere alle domande dei cittadini sulle possibili misure per ridurre il rischio sismico e sensibilizzarli a informarsi sul livello di pericolosità del proprio territorio.

image