Anche quest’anno l’I.C. “L.Radice – Pappalardo” ha il piacere di avere tra i semifinalisti dei “Campionati internazionali di giochi matematici”, indetti dall’Università Bocconi di Milano, un suo alunno, Giorgio Caradonna. L’allievo, frequentante la classe 1^ I del plesso “E. Medi” è stato l’unico, tra tutte le scuole di Castelvetrano, a qualificarsi, per la categoria C1, alla semifinale, che si svolgerà il 24 Aprile 2021.

I campionati internazionali di giochi matematici sono gare di logica organizzate annualmente dalla federazione Francese dei giochi matematici, alle quali partecipano migliaia di studenti di numerosi Paesi. Quest’anno, a causa dell’emergenza COVID i campionati internazionali di giochi matematici della Bocconi, sono stati articolati in tre momenti: i quarti di finale, tenutisi il 27 marzo 2021, la semifinale che si terrà il 24 aprile e la finale nazionale che, se la situazione sanitaria lo consentirà, si svolgerà presso l’Università Bocconi di Milano il 5 giugno 2021. Inoltre, sarà prevista una finalissima internazionale a Losanna a fine agosto 2021.

Ormai per l’I. C. “Radice-Pappalardo” è una piacevole consuetudine annoverare tra i suoi discenti delle eccellenze nel campo matematico-scientifico. Infatti, già in passato altri ragazzi, come Christian Fazzino, Gabriele La Vecchia, Andrea Todisco, Andrea Pavia, Gabriele Tumminia, Ludovico Lipari hanno rappresentato l’Istituto castelvetranese alla prestigiosa Università di Milano, arrivando tra i finalisti. D’altra parte, la valorizzazione delle eccellenze è stata da sempre uno dei fiori all’occhiello dell’Istituto, grazie anche alla sua Dirigente, professoressa Maria Rosa Barone, che tende a promuovere attività scolastiche, extrascolastiche e progettuali che mirino a far vivere ai suoi allievi esperienze altamente formative. In questo caso specifico, ad occuparsi di stimolare gli alunni, ponendo i quesiti matematici come giochi divertenti e intriganti che suscitano curiosità e voglia di fermarsi a pensare, sono stati i docenti: Antonella Samburgato e Maurizio Assenza. A loro va il merito di essersi occupati sia dell’aspetto organizzativo e burocratico, nonché, ovviamente, della loro preparazione.