Si è svolto a Palermo, nell’ambito delle iniziative organizzate in occasione del Trentennale della Convenzione di New York, l’evento “I bambini parlano diritti(o)”, promosso dall’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza (AGiA) in collaborazione con l’Associazione “Così per gioco”.
La Manifestazione, ospitata al Cinema De Seta presso i Cantieri Culturali della Zisa, ha visto la partecipazione della Garante Nazionale, dott. Filomena Albano, insieme agli “allenatori di
cervelli” Carlo Carzan e Sonia Scalco e la giornalista della Rai Federica Grosso.

Presenti 400 alunni delle scuole siciliane del primo ciclo, tra cui una rappresentanza di alunni delle classi quarte del II Circolo R. Settimo di Castelvetrano,  Il Progetto, che ha avuto come obiettivo la diffusione della conoscenza della Convenzione tra i più piccoli attraverso la lettura del testo di Geronimo Stilton “Viaggio alla scoperta dei diritti dei bambini” e la riscrittura dei diritti, ha coinvolto in tutta Italia più di 10 mila partecipanti.
Durante la manifestazione è stato presentato il Manifesto dei Diritti dei bambini e la Garante ha annunciato la pubblicazione di un volume che raccoglierà i diritti riscritti dai bambini di tutta Italia, tra cui quelli degli alunni della nostra Scuola, quali il Diritto a sbagliare, il Diritto a sognare, il Diritto ad avere un fratello, il Diritto alla serenità.

“Il progetto ha permesso di far conoscere la Convenzione a  tantissimi bambini che, attraverso attività di gioco e partecipazione interattiva, hanno acquisito la consapevolezza di avere dei diritti e hanno compreso quanto sia importante affermarli e difenderli sin da piccoli. Ascoltarli e coinvolgerli nella riscrittura della Convenzione ha permesso di scoprire quali sono i nuovi bisogni e le nuove esigenze di cui gli adulti devono tener conto e in che modo bisogna lavorare per attualizzare la Convenzione al mondo di oggi” ha affermato la Garante Filomena Albano.
I bambini, protagonisti assoluti, hanno partecipato attivamente alla Manifestazione attraverso giochi, interventi, riflessioni personali, dando voce ai propri bisogni soprattutto in riferimento alla famiglia,
all’amore, agli affetti e al rispetto della loro condizione di “ bambini titolari di diritti”.
Numerosi i quesiti posti all’Autorità Garante, sorpresa per la profonda maturità mostrata dagli alunni e per la loro piena consapevolezza del percorso formativo svolto.

Molto emozionante il clima di condivisione e di solidarietà creatosi tra le scolaresche presenti, tutti uniti per “I bambini parlano diritti(o)”.
Dopo aver raccolto i diritti dei bambini, le loro voci, il loro punto di vista, è arrivato anche il momento di socializzare il percorso formativo per condividere con il Territorio il lavoro svolto.
Per questo motivo una delegazione di alunni ha distribuito il MANIFESTO DEI DIRITTI DEI BAMBINI presso attività commerciali, studi professionali, Enti ed Associazioni della Città: essi hanno illustrato i contenuti del Manifesto, rendendosi protagonisti dell’ attività di promozione, dando ufficialità all’atto di consegna del Manifesto, attraverso la compilazione e la firma da parte degli adulti di una scheda di accettazione, affermando con forza e determinazione il principio secondo il quale “QUI I BAMBINI
PARLANO DIRITTO”.

Angela Scirè Addetto stampa.
Contributo fotografico Ninni Giardina.