I dati della raccolta differenziata a Castelvetrano, nei primi tre mesi del 2020, lasciano ben sperare. I dati del Comune sono questi: a gennaio 50,57%, a febbraio 51,74% e a marzo 46,34%. Lo scorso anno, secondo i dati forniti dal Comune, i risultati sono stati questi: a gennaio 50,6%, a febbraio 48,3% e a marzo 53,7%, che si differiscono, però, da quelli ufficiali della Regione: gennaio 33,2%, febbraio 28,8% e marzo 26,0%.

Nonostante i dati (secondo quelli forniti dal Comune la media RD dei primi tre mesi del 2020 risulterebbe del 49,55%) diversi tra di loro, il sindaco Enzo Alfano ha dichiarato sui social che «nei primi mesi di quest’anno la raccolta differenziata ha superato abbondantemente il 50%, un netto miglioramento rispetto al 2019 quando Castelvetrano si assestava al 30%».

«Tutto ciò – ha spiegato il primo cittadino – considerato che la nuova ditta di raccolta rifiuti è attiva sul territorio da 7 mesi, di cui almeno tre sono stati sotto emergenza coronavirus. Quindi in questo periodo la massima attenzione è stata data ai rifiuti sanitari a rischio infettivo per i quali il Comune di Castelvetrano ha erogato un servizio eccellente. Considerando che il periodo di start-up riguarda tutti i primi dodici mesi di contratto, vista la positiva collaborazione con l’appaltatore e che già oggi la percentuale di RD è oltre il 55% riteniamo che a fine start-up il 65% sarà raggiunto».

Il sindaco è intervenuto, anche, in merito al Centro comunale di raccolta che era stato previsto in un’area, nel frattempo messa sotto vincolo dalla Protezione Civile. «Stiamo quindi valutando – ha aggiunto Alfano – aree alternative che possano essere adatte anche alle attività collaterali come il mercatino dell’usato. Nel frattempo la ditta ha proposto l’attivazione di un CCR provvisorio che autorizzeremo quanto prima».

E poi la distribuzione dei mastelli, bloccata per l’emergenza coronavirus. «Stiamo riaggiornando i programmi ma ritengo che i mastelli saranno a Castelvetrano entro luglio, come inizialmente previsto. Alla distribuzione dei contenitori si aggiungerà la campagna di promozione e sensibilizzazione della cittadinanza, che prevede anche il coinvolgimento delle scuole, degli alunni/studenti e degli insegnanti», ha detto il sindaco.