Alle due ruote ha preferito il mare, coltivando una passione nata sin da piccolo. E così ora a diciotto anni è arrivata l’abilitazione per condurre imbarcazioni a motore e a vela fino a 50 tonnellate e 24 metri di lunghezza. A coronare il sogno è stato il giovanissimo castelvetranese Fausto Agate, 18 anni, studente all’ultimo anno del Liceo classico “G. Pantaleo”.

Per la giovane età di Fausto Agate, l’avere conseguito questo tipo di abilitazione, può considerarsi un evento davvero raro. Tutto è maturato seguendo la passione per la vela: le regate a Marinella di Selinunte e poi l’esperienza pluriennale che Fausto ha avuto la possibilità di maturare sia su imbarcazioni da deriva che su imbarcazioni d’altura.

«Se non fosse stato per la normativa che impedisce di conseguire l’abilitazione prima dei diciotto anni, mi sarei abilitato anche prima», racconta il giovane a CastelvetranoSelinunte.it. «A dire la verità – spiega ancora Fausto Agate – già lo scorso anno ho avuto la possibilità di stare al comando di alcune regate in Canada poiché in quello stato ci si può abilitare già a 16 anni».

In Italia Fausto Agate ha dovuto aspettare il compimento del 18° anno d’età. E pensa già a cosa fare dopo il conseguimento della maturità: «Ho già visto delle inserzioni interessanti. Sono indeciso se comprare un caicco o un 50 piedi classico coi quali posso anche fare anche escursioni charter, oltre, naturalmente, spassarmela…». L’attesa per i 18 anni è stata per Fausto quella di conseguire la patente nautica, al contrario di molti suoi coetanei che vogliono subito conseguire la patente di guida. Per lui il mare ha un fascino particolare: «Rappresenta la libertà e vorrei navigarlo condividendo con gli amici, stando semplicemente alla fonda di una baia o veleggiando senza meta in una giornata ventosa…».