Il 25, 26 e 28 gennaio presso il Teatro Selinus andrà in scena, a cura degli studenti del Liceo delle Scienze Umane “G. Gentile”, con la supervisione del regista Piero Indelicato, lo spettacolo “Aggiungi un posto a tavola”. Il musical è una riscrittura di quello ideato per la prima volta dalla celebre coppia di commediografi Pietro Garinei e Sandro Giovannini, che può vantare oltre cinquanta versioni straniere e milioni di spettatori in tutto il mondo.

La storia narra le avventure della gente di un piccolo paese in seguito ad un’inattesa e destabilizzante telefonata ricevuta dal parroco, don Silvestro. Dall’altra parte della cornetta Dio annuncia un imminente e nuovo diluvio e suggerisce di costruire un’arca per mettersi in salvo. Fra mille intralci e inconvenienti di ogni tipo la costruzione dell’arca viene portata a termine. Ma il diluvio non ci sarà e l’arca non dovrà salpare, grazie alla provvidenziale disobbedienza del giovane don Silvestro che rinuncia a salvarsi da solo con la bella Clementina.

Il primo ingrediente di questa intramontabile commedia internazionale è l’amore, ma ci sono anche, sapientemente miscelati, l’accettazione, la consapevolezza delle proprie fragilità, il bisogno degli altri per realizzare una vera comunità. Sono molteplici perciò gli spunti di riflessione che lo spettacolo potrà offrire con l’attualità dei contenuti proposti. Il diluvio infatti è sempre in agguato, negli egoismi che ci affliggono, nella chiusura verso gli altri, nella diffidenza, nella pervasiva sfiducia che caratterizza le relazioni sociali. Giacché il nostro cammino verso una reale integrazione culturale e sociale è ancora lento e difficoltoso, da questo spettacolo e dalle sue provocazioni potremmo imparare ad essere pronti ad aggiungere sempre un posto a tavola, a fare spazio per chi è più debole e ci chiede aiuto, a mettere da parte pericolosi pregiudizi e a guardare il mondo con gli occhi del cuore.