Nella pomeriggio di ieri 19 luglio la Guardia Costiera di Mazara del Vallo è stata impegnata nell’ennesima operazione di soccorso a circa 10 miglia dal porto di Mazara del Vallo.

Alle 14:30 circa presso la Sala Operativa della Capitaneria di Porto è giunta una segnalazione telefonica da parte di un pescatore sportivo che aveva avvistato un gommone alla deriva con a bordo i migranti. Sono state pertanto avviate le attività di ricerca attraverso l’impiego della Motovedetta CP 850 (specializzata in operazioni di “ricerca e soccorso” S.A.R.) ed intercettato il gommone segnalato i 14 migranti, tutti di sesso maschile e di nazionalità tunisina, venivano trasbordati sull’unità SAR ed il gommone, sul quale nel frattempo erano stati avvistati dei grossi sacchi neri contenenti numerose stecche di sigarette, veniva preso a rimorchio.

A circa un miglio dalle ostruzioni del porto 4 dei 14 migranti si tuffavano in mare con l’intento di guadagnare la riva ed eludere in tal modo i controlli a terra. Si è quindi proceduto ad allertare il battello pneumatico della Guardia Costiera GC112 e la Motovedetta della Guardia di Finanza V2014 per recuperare in fretta i 4 che avevano tentato il gesto sconsiderato, mettendo nuovamente a rischio la propria vita.

Dopo circa mezz’ora venivano nuovamente tratti in salvo e, unitamente agli altri, consegnati al personale della Polizia di Stato intervenuto, per la loro successiva identificazione e collocazione presso l’idonea struttura di accoglienza sita a Trapani. Il gommone e le stecche di sigarette rinvenute a bordo venivano sottoposti a sequestro congiuntamente al personale della Squadra Navale della Guardia di Finanza nel frattempo intervenuto per gli aspetti di competenza.

Comunicato Stampa – Guardia Costiera