Tredici agenti di Polizia Municipale hanno presentato altrettanti ricorsi per decreto ingiuntivo nei confronti del Comune di Castelvetrano dal quale dipendono. Gli atti giudiziari riguardano la mancata liquidazione da parte dell’ente dell’indennità di vigilanza prevista per l’anno 2016. I soldi – 94.448 euro – riguardano il miglioramento e l’efficienza dei servizi, così come previsto dalla legge regionale n.17 del 1990.

Una parte (il 90%) è stata finanziata già dalla Regione al Comune, la rimanente (il 10%) li deve mettere l’ente locale. I vigili urbani di Castelvetrano proprio per il 2016 hanno in mano atti certi, perché hanno svolto il servizio e quei soldi li pretendono: c’è l’atto di liquidazione, la rendicontazione finale ma agli agenti non sono state accreditate le ulteriori somme oltre i normali stipendi. La Commissione straordinaria ha chiesto – tramite l’Ufficio legale del Comune – chiarimenti al Comandante della Polizia Municipale Vincenzo Bucca che ha già presentato la sua relazione. I rapporti tra Commissione straordinaria e Polizia Municipale sembrano comunque tesi. Rimane aperta, infatti, ancora la questione che riguarda il mancato riconoscimento economico di una parte della turnazione per il 2018.