Archiviata la stagione estiva a Marinella di Selinunte nella quale è stata sperimentata una sostanziale modifica alla viabilità della borgata è giunto il tempo di fare un primo bilancio, considerate anche le molteplici e contrastanti opinioni in merito da parte dei cittadini ivi compresi i residenti e gli esercenti le attività economiche:

a) A differenza di quanto paventato da alcune cassandre, molto spesso interessate, possiamo dire che nella parte bassa della borgata la nuova viabilità, a parte qualche inconveniente iniziale, ha funzionato discretamente e non si sono verificati incidenti di alcun tipo o difficoltà significative, a parte qualche disagio sicuramente sopportabile per alcuni dei residenti;

b) La presenza dei Vigili Urbani, malgrado il personale sia sicuramente insufficiente nel periodo estivo, è stata costante ed attiva. Con l’ausilio delle associazioni di Protezione Civile è stata gestita al meglio anche la Zona a Traffico Limitato nelle ore serali;

c) I visitatori e i turisti hanno potuto godere e apprezzare, come la gran parte dei Castelvetranesi, (specie i più giovani, per natura più disponibili al cambiamento) nella sua interezza le stupende bellezze monumentali e paesaggistiche di Marinella di Selinunte ( prima tagliata in due);

d) Con la nuova viabilità si è ridotto sensibilmente l’uso indiscriminato di autoveicoli dei residenti nella piazza antistante il porticciolo;
Con l’inizio della stagione autunnale, venendo meno in gran parte l’afflusso turistico, la Amministrazione Comunale ha deciso, per agevolare i pescatori e i residenti, di invertire il senso di marcia della sola via Caboto con direzione obbligatoria verso il porticciolo, lasciando invariato tutto il resto al fine di non vanificare quanto già fatto e valorizzare in modo permanente il “ giro panoramico di Marinella”.
Per raggiungere l’Acropoli, la via Pigafetta , la zona di Calannino, piazza Efebo e lo stesso Scalo di Bruca rimarrà il senso di marcia attuale che parte da via della Cittadella. In questi giorni sarà perfezionata la segnaletica alla nuova condizione.

Con la prossima stagione estiva verrà ripristinato il senso di marcia a salire nella via Caboto e, per meglio regolamentare il traffico, verrà introdotta la sosta a pagamento nella parte bassa di Marinella , così come verranno rafforzate le navette di collegamento circolari interne alla frazione.

Naturalmente nessuno pensa, e tanto meno la Amministrazione Comunale, di avere risolto in un sol colpo le problematiche della viabilità a Marinella che rimane un problema difficile e complesso considerata la struttura urbana del borgo. Non è facile conciliare tutti gli interessi, a volte apparentemente contrastanti, ma se si comincia a ragionare tutti assieme senza mettere al primo posto gli interessi immediati di “ bottega “, sono certo che nel giro di pochi anni Marinella potrà competere da punto di vista turistico ed economico con realtà ben più sviluppate come San Vito Lo Capo. Guarda caso in quella località turistica gran parte del centro abitato è inibito agli autoveicoli ormai da diversi anni. A causa della chiusura del traffico a San Vito Lo Capo nessuno è fallito, anzi questa ha contribuito a determinare le condizioni per la crescita complessiva della cittadina.

Voglio infine ricordare un aneddoto che risale agli anni 70 quando è stata realizzata la superstrada Castelvetrano – Sciacca. Il progetto originario prevedeva l’imbocco diretto alla nuova strada dalla già
esistente autostrada con apposita bretella bypassando il nostro territorio.

Per fortuna qualcuno obiettò che in questo modo non si valorizzava appieno la città di Castelvetrano, il suo hinterland e le rovine di Selinunte e propose con successo di collegare l’autostrada con la Castelvetrano – Sciacca attraverso la già esistente statale. In questo modo chiunque transiti fra le tre province di Trapani, Agrigento e Palermo è costretto a percorrere una parte importante della città divenuta una vera e propria vetrina. Si sono così create le premesse per lo straordinario sviluppo dell’area commerciale ed artigianale di Castelvetrano, che tutti ci invidiano.

Per concludere, al costo di qualche nostro piccolo sacrificio, ai visitatori di ogni tipo, specie ai turisti, facciamo godere del giro panoramico di Marinella di Selinunte, alla lunga ciò porterà vantaggi a tutti.
Un invito agli esercenti (che si lamentano): adeguino, anche e soprattutto nel loro interesse, ai nuovi sensi di marcia la segnaletica riguardante le proprie attività.

Castelvetrano 20/09/2012

Paolo Calcara