Ancora fuoco e fiamme, ancora paura e danni nella frazione di Tre Fontane dove venerdì mattina un vasto incendio ha distrutto quasi venti ettari di macchia mediterranea in contrada Tonnara, a confine col territorio di Triscina e vicina il Zahira Resort e il parco acquatico “Acquasplash”.

La zona – che per ore è stata invasa dal fumo – è quelle delle cave di sabbia, terreni già in parte svuotati di sabbia dove però in questi anni sono rinati canneti e macchia mediterranea. Le fiamme, stavolta, si sono sviluppate (ma non è escluso che siano state appiccate da qualcuno) a monte del terreno e col vento in poche decine di minuti sono arrivati sino in via Tonnara creando paura tra i vacanzieri che abitano nelle villette a valle della strada dove, per fortuna, non si sono registrati danni.

Le fiamme, invece, hanno oltrepassato la strada su un terreno poco a fianco, bruciando il canneto all’interno del costruendo residence “Il Faro” (da anni i lavori sono fermi) e carbonizzando suppellettili in legno da cantiere. Per spegnere il fuoco per quasi 4 ore sono intervenuti i Vigili del fuoco di Mazara del Vallo e Castelvetrano, un’autobotte del Corpo Forestale e l’autocisterna del Comune. In un momento critico i pompieri hanno pure valutato l’ipotesi dell’intervento di un Canadair, poi escluso.

incendio2

L’incendio, paradossalmente, ha portato alla luce anche un’ampia discarica abusiva proprio nella zona centrale del terreno. Secondo quanto raccontato dai Vigili del fuoco che si sono addentrati nel podere, sono andati bruciati elettrodomestici, lastre di eternit e rifiuti di qualsiasi genere abbandonati illegalmente.

E già come successo qualche notte addietro quando in piazza Favoroso bruciò il Lido Nettuno, anche ieri si è rivelato inefficiente l’impianto antincendio comunale. I vigili del fuoco per rifornire l’autobotte hanno aperto una colonnina d’appresamento idrico che si trova a poche centinaia di metri sempre in via Tonnara, ma era asciutta.

A rifornire l’auto campagnola con mini autobotte ci hanno pensato con tubi di gomma, invece, i vacanzieri che abitano nelle villette a valle. Nemmeno una settimana fa, proprio a pochi chilometri da contrada Tonnara, nel territorio di Triscina un altro vasto incendio interessò un canneto nella zona compresa tra il kartodromo e la circonvallazione della frazione. In quel caso per le vaste proporzioni e per la seria minaccia alle abitazioni vicine fu necessario l’intervento di un Canadair, oltre i Vigili del fuoco di Mazara del Vallo.

incendio1