Una vittoria su tutti i fronti, commentano così, ai microfoni di BlogSicilia, gli studenti della facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Palermo.

Sembra essersi infatti conclusa positivamente l’odissea dei 400 e più laureandi che si erano opposti alla tardiva comunicazione della segreteria sulle date di presentazione degli esami e delle tesi. L’amministrazione della segreteria sembra infatti aver accolto le loro richieste.

Era cominciata stamattina la protesta degli studenti, di fronte l’edificio 3 della segreteria dell’Università: quasi un centinaio di loro, riuniti lì per avere delle risposte sul loro futuro accademico. I ragazzi hanno subito chiesto un incontro con la coordinatrice dell’amministrazione universitaria, Maria Di Grigoli, ottenendolo in tempi brevi.

I laureandi hanno poi fatto subito il punto della situazione, spiegando come le tardive comunicazioni delle segreterie, abbiano messo in difficoltà molti studenti. Si era infatti deciso che i laureandi dell’anno accademico 2012, avrebbero dovuto presentare l’ultimo esame il 20 settembre, poiché per le triennali gli ultimi appelli sarebbero stati a gennaio, mentre per la magistrale a dicembre. Il tutto comunicato solo da pochi giorni, aveva scatenato la frustrazione e la rabbia dei ragazzi.
Di Grigoli, con carta alla mano, ha detto agli studenti che il Senato accademico aveva deliberato proprio in questa maniera, e che ormai le segreterie e la facoltà non potevano far nulla. I ragazzi, infatti, avevano lamentato disorganizzazione della facoltà e della segreteria, che non sarebbero riuscite a far fronte a tutti i bisogni dei propri studenti.

All’incontro è poi giunto anche il preside della facoltà di Lettere e Filosofia, Mario Giacomarra, il quale ha ascoltato le ragioni dei laureandi. “Non posso andare contro al Senato Accademico, mio organo superiore, ma posso accogliere le vostre richieste”, dice Giacomarra ai ragazzi, “chi sta avendo delle difficoltà, può presentare la propria documentazione alla dottoressa Di Grigoli, e provvederemo a far presente a chi di dovere le vostre particolari situazioni”, conclude il preside.

Da qui, la svolta: è stato proposto ai ragazzi di firmare un documento (da presentare poi alle segreterie) nel quale si attesta che sarà preso in considerazione il secondo appello di settembre, per i laureandi 2012 e anche per quelli della triennale. Per i laureandi di gennaio, le sessioni valide saranno quelle presentate entro il 21 dicembre, mentre per quelli dell’anno accademico 2012, varranno gli ultimi esami presentati, invece, il 10 di dicembre. Inoltre, tutti i ragazzi della triennale ancora disagiati da questo “difetto di comunicazione”, potranno presentare la documentazione necessaria per essere inseriti nel nuovo mese di riferimento, e non a gennaio, come era stato stabilito, rientrando quindi nell’attuale anno accademico e presentando la tesi di laurea entro il 21 dicembre. Per le magistrali, le tesi dovranno essere presentate il 20 novembre.

di Gianluca Fiore
per BlogSicilia.it