Eluana EnglaroMentre il mondo cattolico e il Vaticano sono schierati compatti contro il trasferimento di Eluana Englaro nella clinica di Udine che vedrà gli ultimi istanti della sua vita, un sacerdote siciliano prende una posizione “scomoda”.

Il giudizio di don Francesco Michele Stabile, parroco a Bagheria, storico della Chiesa, è garbato ma fermo: “Penso che sia giusto lasciare andare Eluana Englaro con dolcezza. Sono contro l’eutanasia, credo che nessuna autorità possa stabilire cosa è la vita e cosa è la morte per decreto generale. Le valutazioni devono essere fatte caso per caso. In questa storia c’è stato un eccessivo scontro”. In un’intervista rilasciata a ilovesicilia.info, don Stabile precisa: “In questo caso, con qualche perplessità che deve essere propria di un giudizio così complesso, mi pare di potere dire che siamo davanti ad accanimento terapeutico. Senza certi accorgimenti tecnici, Eluana sarebbe già morta”.