Un ingente carico di sigarette di contrabbando abbandonato ieri pomeriggio in mare, a quattro miglia al largo di Menfi, recuperato e posto sotto sequestro dai militari della compagnia di Sciacca della Guardia di Finanza. Una motovedetta delle fiamme gialle lo ha recuperato, al largo di Porto Palo di Menfi, e trasferito al porto di Sciacca.

Erano settanta le scatole piene di sigarette di contrabbando che sono state recuperate nel mare di Menfi, mentre il gommone con il quale sarebbero state trasportate è stato intercettato e recuperato, sempre dalle fiamme gialle, abbandonato, a poche miglia da Marinella di Selinunte. A bordo non c’era nessuno.

A quanto pare l’ingente carico, che è stato posto sotto sequestro, sarebbe arrivato sulla costa agrigentina con quel gommone, ma ulteriori indagini sono in corso da parte della Guardia di Finanza per verificare la provenienza anche se l’ipotesi privilegiata è che il gommone sia partito dal nordafrica.

Le indagini sono coordinate dalla Procura della Repubblica di Sciacca e dirette dal comandante della compagnia saccense della Guardia di Finanza, capitano Luigi Carluccio, che ha seguito tutte le operazioni svolte ieri. Bisognerà stabilire da dove è partito quel carico, ma anche chi sono i possibili destinatari.

Nessuna ipotesi, in proposito, viene attualmente avanzata e anzi l’indagine si muove nel più assoluto riserbo. Il carico potrebbe essere stato diretto a qualcuno che risiede nell’Agrigentino o nel Trapanese, ma non è da escludere che sia stato abbandonato, al largo, quando i controlli della Guardia di Finanza si sono fatti più stringenti.

di Giuseppe Pantano
per Giornale di Sicilia del 27.09.17