Le ditte “Autotrasporti Ciaccio Vincenzo” e “Balbestre Rosaria” annunciano il blocco del trasporto di acqua a Castelvetrano mediante autobotti. Le cause dello stop sarebbero legate alla mancanza di acqua nelle vasche di accumulo di contrada Stella di proprietà del Comune.

“A causa di una mancata manutenzione ordinaria del pozzo – dicono i titolari delle ditte – lo stesso non eroga più l’acqua sufficiente per svolgere il servizio di trasporto acqua. Per caricare un’autobotte da 8.000 litri infatti, da qualche giorno, sono necessari tempi eccessivamente lunghi, fino a due ore e 30 minuti mentre in condizioni normali sarebbero bastati circa 15 minuti. Condizioni che non consentono il normale svolgimento dell’attività”

“Ribadiamo – aggiungono – che raccogliendo acqua presso contrata Stella non togliamo il prezioso liquido dalla rete idrica nella disponibilità delle famiglie castelvetranese. Si tratta infatti di una rete indipendente e collegata solo alla zona commerciale.

Nello scusarci per il disagio arrecato alla cittadinanza il servizio privato di trasporto d’acqua sarà fermo finché il problema non sarà risolto”

Intanto dal Commissario Caccamo arrivano buone notizie per quanto riguarda la rete idrica della città: “È rientrato a regime il pozzo Clemente che eroga 4 litri/secondo e per metà prossima settimana verrà riparata pompa pozzo Ingrasciotta 1 che eroga 8Lt/s)”

Grazie all’intervento della Prefettura, inoltre, è stata aumentata la portata di Siciliacque che in atto distribuisce 34Lt/s rispetto ai 22Lt/s. Nella giornata di sabato si sarebbe raggiunto il massimo livello nei serbatoi della città. L’acqua sta arrivando in maniera normale anche in via Bresciana