ospedaleIn merito al piano di riordino della rete ospedaliera, voluto dall’Assessorato Regionale alla Sanità, che comporterà una serie di tagli all’Ospedale Vittorio Emanale II di Castelvetrano, con il trasferimento di alcuni reparti presso altre sedi, il presidente del Consiglio Comunale, Francesco Lombardo, ha convocato una seduta straordinaria di consiglio per discutere di questa problematica.

Sono stati convocati i sindaci della Valle del Belice, gli Onorevoli regionali e nazionali, i consiglieri provinciali Campagna, Chiofalo e Giammarinaro e l’assessore provinciali Lo Sciuto, il Prefetto, l’assessore regionale alla sanità, nonché i vertici dell’Ausl n°9 di Trapani.

Il vice-presidente del consiglio, Giovanni Craparotta afferma: “ Così facendo si vuole penalizzare un vasto bacino d’utenza ed un Pronto Soccorso che registra oltre 30mila prestazioni annue, di cui la maggior parte di patologie di natura traumatico-ortopediche – dichiara Craparotta – per fare un esempio pratico il 118 dove dovrebbe portare un politraumatizzato? A Salemi dove manca chirurgia ed il paziente potrebbe morire per lesioni addominali, o a Castelvetrano dove potrebbe essere operato ma rischierebbe la morte per gravi lesioni scheletriche?”.

Lo incalza l’Assessore Felice Errante: “ Appare evidente come privare un ospedale provvisto di rianimazione del reparto di ortopedia è irrazionale e pare trovare giustificazione solo in pressioni di natura politica e non improntati alle esigenze di buona sanità”.