L’associazione “Codici” di Palermo, sollecita l’Amministrazione Comunale di Castelvetrano a risolvere il problema.

Anche nel Sud del nostro paese il freddo si fa sentire e provoca disagi. Apprendiamo dalla stampa locale che una scuola di Castelvetrano è stata chiusa nei giorni del rientro pomeridiano per il mancato funzionamento dell’impianto di riscaldamento.

Sembra che durante il giorno gli studenti e i docenti si presentino in classe con le coperte, giubbotti e cappelli. Il preside ha quindi firmato una circolare e ha risparmiato agli studenti questo disagio almeno solo per il pomeriggio. La cosa strana comunque è che la scuola è stata ristrutturata da poco, ma non è stato predisposto l’impianto di riscaldamento, che non è stato possibile attivare per mancanza della centralina. Come alternativa a questa mancanza erano state collocate nelle aule delle stufe, ma il contatore non ha retto. E’ assurdo che la formazione degli studenti venga interrotta da queste condizioni metereologiche che in fin dei conti sono gestibili dall’uomo, se solo ci mettesse un po’ piu di volontà.

A questo proposito il Responsabile della nostra Associazione Codici della delegazione di Castelvetrano, avv. Giovanni Crimi dichiara: “Nella città di Castelvetrano anche negli anni pregressi qualche altra scuola ha lamentato questo disagio e l’amministrazione comunale ha provveduto a collocare qualche climatizzatore, impegnandosi a fornire la scuola di altri apparati”. – continua G. Crimi: “ L’Associazione Codici-Centro per i diritti del cittadino, anche in considerazione della stagione invernale alquanto rigida, sollecita l’amministrazione comunale a provvedere a risolvere il problema nel più breve possibile”.

L’Associazione Codici – Centro per i diritti del cittadino – invita tutti i genitori, studenti e docenti a segnalare casi simili a questi presso i nostro sportelli territoriali oppure scrivendoci a : codici.sicilia@codici.org

L’Associazione Codici è un’associazione ONLUS impegnata ad affermare, promuovere e tutelare i diritti dei cittadini, con particolare riferimento alle persone più disagiate.

Ci occupiamo delle seguenti tematiche:
– Sicurezza stradale
– Salvaguardia dell’ambiente
– Liberalizzazione servizi pubblici
– Accesso alla giustizia
– Sanità e sociale
– Legalità
– Consumerismo
– Usura e Racket
– Malasanità
– Formazione
– Anti-contraffazione