foto. psicozoo.it

foto. psicozoo.it

Ancora una tragedia del lavoro che non c’è in provincia. Stavolta a togliersi la vita, ieri, è stato N. S., un 49enne disoccupato, separato da poco e padre di figli.

L’uomo, depresso per la mancanza di lavoro e forse anche per la recente separazione dalla moglie, ha maturato il drammatico gesto di farla finita. Si è impiccato nella sua abitazione di via Di Vittorio. Sono stati alcuni familiari allarmati dal fatto che non riuscivano a contattarlo a fare intervenire sul posto, intorno a mezzogiorno, i carabinieri della Stazione.

Sono stati proprio questi ultimi ad effettuare la macabra scoperta del corpo privo di vita del 49enne. In pochi minuti in via Di Vittorio con i militari della Stazione sono arrivati anche i loro colleghi della Compagnia di castelvetrano, che hanno effettuato i rilievi scientifici, mentre su disposizione dell’autorità giudiziaria è giunto pure il medico legale che ha constatato che il decesso era avvenuto da poche ore ed escludendo l’intervento di terzi ha attestato che si trattava di un suicidio.

Strazianti le scene di dolore dei familiari davanti all’abitazione di N. S. quando hanno appreso che il loro congiunto si era tragicamente tolto la vita. La salma dopo le formalità di rito è stata loro restituita.

Rimane l’amarezza per un’altra vita spezzata dalla mancanza di lavoro in una provincia nella quale molti settori dell’economia continuano ad essere in ginocchio a causa di una crisi che non fa registrare alcun segnale di retromarcia.

Margherita Leggio
per La Sicilia