E’ stata grande la partecipazione al convegno di ieri mattina, organizzato con lo scopo di sensibilizzare le autorità sullo stato della Riserva Naturale Orientata “Foce del Fiume del Belice”.

I naturalisti rivendicano una maggiore tutela dell’area, considerando la riserva orientata solamente sulla carta ma non di fatto.

In modo particolare, uno dei relatori, Enzo Sciabica ha fatto presente che mentre in posti civili sarebbe bastato un cartello per le indicazioni di utilizzo dell’area, qui, in questo territorio, c’è bisogno di un servizio di guardiania e di guide controllate dell’area.

Di veduta differente, è stato invece l’intervento del Dott. Roberto Fiorentino, ispettore delle Riserve in gestione alla Provincia di Trapani.

Il tecnico ha portato l’attenzione anche sulla questione delle strutture turistiche che pur non essendo presenti all’interno della Riserva (ad eccezione del Paradise Beach) hanno il diritto di un posto al sole per gli ospiti.

Dopo aver rivendicato il lavoro di tutela dell’area, Fiorentino ha fatto presente alla platea che dopo 27 anni dalla costituione della Riserva, non è ancora stato redatto un piano di utilizzazione di detta area, di competenza del Comune di Castelvetrano, e nemmeno un piano di gestione, di competenza invece della Provincia di Trapani.

L’evento di oggi è nato da alcune polemiche poste in essere dopo la pubblicazione, su questo sito internet, del video “La riserva della vergogna“, di Egidio Morici.

Adesso non rimane che augurarci di non attendere altri 27 anni affinché vengano elaborati i piani di gestione e utilizzazione di questa meravigliosa area che conserva elementi di flora e fauna di notevole importanza.