Pur di convincere l’opinione italiana delle meraviglie della sua “riforma”, che avrebbe introdotto nella scuola merito e serietà, il ministro ha fornito alla gran cassa mediatica del Governo un dato falso su quello che, a suo giudizio, è un segnale di quanto detto prima (merito e serietà): l’aumento dei famigerati “cinque in condotta”, che nel primo quadrimestre 2009/10 avrebbero superato del 18% quelli dell’anno precedente. Non solo: anche le insufficienze in almeno una materia sarebbero aumentate del 2%.

Peccato che si tratti di dati truffaldini, tesi ad esagerare alcuni aspetti e a sottacerne altri del panorama scolastico italiano. Ad esempio, come ha fatto rilevare il Partito Democratico, si sono nascosti i dati delle scuole medie che, proprio secondo il Ministero, rivelano un calo dell’1.7% degli studenti con almeno un’insufficienza e un crollo dei cinque in condotta.


Inoltre, anche nelle scuole superiori si rileva che la Gelmini ha esagerato il dato dell’aumento delle insufficienze, portando al 2% quello che in realtà è un aumento del solo 0.8%; veritiero invece l’aumento dei cinque in condotta per quanto riguarda gli studenti che hanno già altre insufficienze, ma è da sottolineare che sono invece in netto calo quelli che hanno solo il cinque in condotta.

Ma, in fondo, non è nemmeno questo il problema. Io ritengo davvero grave che, di fronte ad un presunto aumento di cinque in condotta e insufficienze, la reazione sia quella di ritenerla una buona notizia, invece di intraprendere azioni concrete per recuperare questi ragazzi! E se qualcuno ritenesse che è davvero una buona notizia, poichè pensa che in realtà non sono peggiorati i ragazzi ma, per chissà quale motivo, gli insegnanti non fanno più finta di non vedere, beh, allora vuol dire che il sistema scolastico sta davvero messo male a livello di insegnanti, e allora il Governo dovrebbe prendere provvedimenti in tal senso!

Invece non si fa nè l’una nè l’altra cosa, solo chiacchiere e propaganda. E tagli, tanti tagli.

Francesco Zanfardino
per www.discutendo.ilcannocchiale.it