Riapre parzialmente al traffico civile lo scalo di Trapani Birgi. E’ quanto emerso in un incontro che si è appena concluso a Roma al quale hanno partecipato i vertici dell’Enac e dello Stato Maggiore della Difesa.

Sarebbero 18 i collegamenti quotidiani che dovrebbero essere riattivati entro qualche giorno nello scalo che contava, prima della chiusura a causa delle operazioni libiche, 78 tratte giornaliere, gran parte delle quali operate dalla compagnia aerea low cost Ryanair.


“E’ un primo passo – commenta Mimmo Turano, presidente della Provincia regionale di Trapani – per la piena operatività dello scalo che speriamo avvenga in tempi brevissimi. Il nostro impegno comincia ad essere premiato ma non ci fermiamo a questo risultato. Continueremo la battaglia per il riscatto del nostro territorio e per avere risposte certe da parte del Governo nazionale sulle sorti della nostra economia, già gravemente danneggiata da questa chiusura sconsiderata”. Riguardo alcune indiscrezioni che circolano sul possibile abbandono dello scalo da parte di Ryanair, il presidente Turano usa toni rassicuranti. “La compagnia aerea – dice – non lascerà Birgi e accetterà questa situazione temporanea in attesa che tutto ritorni alla normalità”.