Ricevo e pubblico la seguente nota da parte dell’avvocato Elio Indelicato, in riferimento alla possibilità di collegarsi ad internet presso la biblioteca comunale di Castelvetrano.

E’ possibile leggere l’articolo ed i commenti cliccando sul seguente link:

www.castelvetranoselinunte.it/precisazioni-sulla-biblioteca-comunale

Gentilissimo Direttore del sito,

in merito ad un mio articolo apparso sul Giornale di Sicilia sulla biblioteca comunale, a mia firma dello scorso 9 Giugno, molti sui visitatori, che apprezzano da sempre la mia onestà mentale, la mia professionalità e di essere una persona libera e non un servo sciocco del potere, mi hanno sollecitato a rispondere ad alcuni suoi visitatori tale Antonio Ciulla, Luigi e Gaetano Cuttone, che si sono lasciati andare a considerazioni e giudizi diffamatori e calunniosi. Visto che Lei da molto spazio alle informazioni alle repliche dell’Amministrazione Comunale, perché è pagato con convenzione per far questo, dovrebbe graziosamente pubblicare questa mia precisazione relativamente all’Internet della Biblioteca comunale, che sembra aver fatto scalpore, solo perché la verità a volte fa male. Io ho scritto, perché confermatomi dalle impiegate della Biblioteca che un cittadino non può chiedere alle dipendenti della Biblioteca di collegarsi ad Internet per fare una ricerca per consultare una Gazzetta Ufficiale, per fare un esempio, in quanto il personale, per dare questo servizio all’utente, dovrebbe usare una password di un dirigente del Comune. Questo è quanto mi viene riferito dalle impiegate. Il Sig. Ciulla che si dovrebbe “vergognare”, di cose molto più importanti, anzicchè del sottoscritto, che:” scriverebbe articoli falsi e tendenziosi” lo invito a fare un salto in biblioteca e a sincerarsi di quanto ho già scritto sto ripetendo. Il caro Segretario comunale in una sua precisazione ha scritto che tutti possono consultare le Gazzette ufficiali ( certo anche dalla propria casa , tranne che dalla biblioteca), che il Comune ha un interpoint all’interno dell’Ufficio Turistico e questo è vero, che sarà attivata una sala multimediale a presto, ( noi ce lo auguriamo), ma questo non ha niente a che vedere con il mio articolo sulla la Biblioteca ottimamente gestista, oggetto di visite continue di studenti e studiosi, ma che non ha un punto internet, questo è quello che ho scritto e il Sig. Ciulla potrebbe informarsi. All’anonimo signor Luigi che mi accusa di volere chiedere un altro mercato del pesce, la cosa mi puzza !.Lei che è un attento visitatore di Internet dovrebbe sapere che è stato pubblicato per più di 15 giorni, a partire dal 2.02.2010, un bando per l’affidamento in comodato d’uso (gratuito) sul portale del Comunale per la gestione dell’ex Mercatino Ittico di Via San Martino , in totale abbandono e che è stato affidato all’Associazione Culturale l’Agave, che io mi onoro di presiedere, perché è stata la sola a partecipare al bando di gara, perché non interessava a nessuno visto la gratuità della gestione, che ha dato la possibilità a tanti giovani artisti famiglie di passare giornate all’interno della struttura. A Gaetano Cuttone che parla che i “giornalai” trasferiscono sul Giornale le chiacchiere di caffè , rispondo che io non amo frequentare i bar, ma preferisco frequentare le biblioteche dove si apprendono cose e notizie molto interessanti .che a volte capita che “ disturbano a qualcuno”

Grazie Elio Indelicato