Due furti messi a segno ai danni dell’Ato rifiuti Trapani 2 “Belice Ambiente Spa”. Rubati il computer col sistema di controllo dell’impianto di compostaggio nel Polo Tecnologico di contrada Airone, a Castelvetrano, e un piccolo gruppo elettrogeno presso l’isola ecologica nel parcheggio del cimitero comunale a Campobello di Mazara.

Il doppio raid e’ stato denunciato alle forze dell’ordine. Nel primo caso i ladri si sono introdotti all’interno dell’impianto recidendo la rete metallica di protezione. Hanno cosi’ scassinato la porta del box-ufficio, dove all’interno c’era il computer nel quale era installato il sistema di controllo dell’impianto di compostaggio.

Qualche mese addietro il sistema era stato collaudato – con le prove di carico e di trasformazione – dai tecnici di Entsorga, l’azienda che ha fornito l’impianto. Il sistema era, quindi, gia’ pronto per funzionare. Nel secondo caso i ladri hanno scavalcato la rete di protezione e hanno scassinato la porta di legno dell’alloggio dove sono custoditi la bilancia per la pesatura dei rifiuti e il gruppo elettrogeno per l’erogazione dell’energia elettrica, quest’ultimo portato via.

“E’ un grave atto nei confronti della societa’ che condanniamo con fermezza – ha commentato l’amministratore unico Nicolo’ Maria Lisma – l’Ato negli ultimi mesi e’ stata presa di mira da una serie di attentati. Questa volta il danno e’ gravissimo, perche’ portare via il computer con l’intero sistema di controllo dell’impianto di compostaggio installato, blocca di fatto l’apertura del Polo. E’ un pc che sul mercato ha poco valore, ma per la societa’ quel sistema che contiene e’ di fondamentale importanza per la gestione degli impianti”.

I ladri al Polo Tecnologico (privo del sistema di videosorveglianza) si sono introdotti nella notte di venerdi’, dopo che gli operai che stanno completando il terzo lotto dell’impianto, erano andati via.

(AGI)