Forse non ci soffermiamo abbastanza a riflettere su come possiamo contribuire all’equilibrio del pianeta. Invece oggi piu’ che mai, questo obiettivo dovrebbe essere una delle nostre priorità.

Tutto fa parte di una catena e un anello essenziale di questa e’ un insetto che ad alcuni puo’ non essere simpatico, ma e’ importante proteggere. Naturalmente stiamo parlando dell’ape che con i suoi voli impollina frutti e fiori e rende possibile la bellezza e l’ efficienza della natura.

E’ noto che e’ essenziale per noi tutti che cio’ accada. Inoltre ci sono diversi miti da sfatare: le api non hanno alcuna intenzione di pungere se non si sentono realmente minacciate, per loro sarebbe come suicidarsi! Bisogna soltanto mantenere la calma e non aggredirle. Inoltre quelle che spesso ci ritroviamo sulla tavola o vicino ai rifiuti sono le vespe.

Le api, infatti sono insetti impollinatori, quindi si poggiano solo sui fiori o acqua per bere. Detto cio’ l’ invito e’ quello di non usare insetticidi durante le fioriture, vietato anche dalla legge, di chiamare gli apicoltori in caso di presenza di un alveare indesiderato e di amare questo piccolo ma importantissimo insetto!

Un genio del passato affermo’ che se le api dovessero scomparire, l’ uomo vivrebbe solo 4 anni…parole di Einstein!
Oriana Maltese e Nicola Incerto